Euro crisis posted by

GRECIA: NON È L’INIZIO DELLA SOLUZIONE, MA UN RINVIO A QUATTRO MESI (di Nino Galloni)

 

gpg02 - Copy (341) - Copy - Copy - Copy

 

Come temevamo, ha prevalso il mantenimento dell’attuale stato di cose e il nuovo governo greco non ha ottenuto niente di buono per il proprio Paese: uscire dell’euro con la concertazione di chi ci resta avrebbe posto le basi di una ripresa in Grecia con aumento della domanda interna e delle esportazioni (turismo compreso).

Lasciare l’euro per tornare alla valuta nazionale non costitusce una umiliazione, ma è un grosso privilegio che va meritato gestendo la nuova moneta in modo assennato, cioè per lo sviluppo interno e non per improbabili avventure.

 

Il rinvio non consente ai Greci di accumulare risorse per pagare i creditori europei se non mantenendo o, addirittura, accrescendo l’avanzo primario: meno servizi pubblici e più tasse.

Unica via di salvezza, l’economia sommersa: se essa si veicolasse attraverso una moneta locale popolare per vendere beni e servizi all’estero in euro probabilmente sarebbe una valvola di sfogo all’inevitabile esplosione sociale.

 

Accordi più sostenibili per i Greci avrebbero protetto l’Europa che c’è sempre meno come la crisi ucraina dimostra; invece essa si sta sempre più dimostrando una mera espressione geografica dove la Germania la fa da padrona senza alcuna prospettiva strategica che vada oltre i suoi miserabili interessi di bottega.

La Francia non sta a guardare, ma dovrà decidersi: o sotto la Germania e, allora,  per l’Italia si metterebbe molto male in mancanza di alternative geopolitiche (esistenti, beninteso, ma da esplorare); o prendendo distanze da essa e, allora, per l’Italia sarebbe un’occasione molto importante. 

 

Nino Galloni

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog