attualita' posted by

Germania: 60 miliardi di sussidi verdi faranno solo dei disastri.

 

Di recente, c’è stato un dibattito in Germania sulla costituzionalità di un ulteriore indebitamento pubblico di 60 miliardi di euro. Il prestito è dibattuto perché la Germania ha un freno all’indebitamento nella costituzione. Il freno all’indebitamento limita la possibilità del governo di indebitarsi e lo spinge verso un pareggio di bilancio in tempi normali. In tempi di emergenza, invece, il freno dell debito è stato allentato e ha permesso di fare maggiori deficit.

Il governo tedesco prevede di presentare un disegno di legge che trasferisce un’autorizzazione di prestito inutilizzata di 60 miliardi di euro di fondi covid dallo scorso anno fiscale a un fondo speciale chiamato “Fondo per l’energia e il clima“, anche se la spesa per il clima di per sé non sarebbe esclusa dal debito freno. La motivazione per giustificare la costituzionalità del piano è puramente keynesiana. I sostenitori sostengono che lo stato deve investire o fornire sussidi corrispondenti per attivare investimenti privati ​​sulla scia della crisi della crisi del coronavirus. La spesa deve stimolare l’economia. In questo modo, guadagni e posti di lavoro dovrebbero essere salvati o assicurati. Se deve esserci un piano di stimolo keynesiano per superare la crisi della corona, perché non spendere i soldi delle tasse in “progetti verdi”? Quindi è spesa verde per far fronte a un’emergenza.

Investimenti governativi per far fronte alla crisi di Corona
Discutiamo della giustificazione keynesiana per aggirare il freno all’indebitamento tedesco. Nel caso del presente disegno di legge, la spesa pubblica aggiuntiva è finanziata da un debito maggiore di 60 miliardi di euro. La Banca centrale europea e il sistema bancario europeo con ogni probabilità monetizzeranno questo debito (cioè, l’offerta di moneta aumenterà). Il nuovo potere d’acquisto consentirà al governo tedesco di beneficiare dei fattori di produzione e di utilizzarli per progetti sul clima. Questi fattori di produzione assorbiti dal governo non saranno quindi più disponibili per progetti alternativi. In altre parole, un potere d’acquisto di 60 miliardi di euro sarà ritirato dalla società civile e non sarà più disponibile per i progetti del settore privato.

I 60 miliardi di euro di spesa aggiuntiva fanno salire i prezzi dei fattori di produzione. I fattori di produzione, cioè lavoro, materie prime e semilavorati,  diventeranno più costosi di quanto sarebbero stati senza la spesa pubblica aggiuntiva. Ciò aumenterà i costi per le aziende private, che dovranno pagare salari più elevati, prezzi dell’energia e altri costi. Progetti che sarebbero stati redditizi con minori costi per energia, salari e altri fattori di input non lo saranno più, grazie ai 60 miliardi di euro di spesa pubblica aggiuntiva. Praticamente il settore privato sarà spiazzato dagli investimenti pubblici non efficienti. 

Il problema è che gli inefficienti investimenti verdi, sovvenzionati dallo stato, saranno ben visibili, mentre quelli privati, magari più efficienti, non mostreranno la propria capacità. Immaginate un motore a combustibili tradizionali incredibilmente efficiente: non avrà investimenti e non sarà realizzato.

Ancora più importante, la spesa pubblica aggiuntiva non aiuterà le aziende che lottano nella crisi per il covid-19. Immagina un proprietario di un ristorante che ha perso vendite a causa di passaporti covid e altre restrizioni. Non gli giova affatto che qualche progetto verde venga sovvenzionato. Ciò di cui ha bisogno è l’abolizione delle restrizioni sulla, non i pannelli solari nel campo di fianco. Oppure immagina un’azienda che ha problemi di catena di approvvigionamento. I microchip non arrivano perché non vengono caricati sui container nei porti cinesi. Questa azienda in difficoltà non beneficia nemmeno di sovvenzioni a progetti ecologici. Non porta nessuno dei microchip necessari. Al contrario, quando questi nuovi progetti verdi decollano, è probabile che richiedano anche gli stessi fattori di produzione di cui l’azienda in difficoltà ha bisogno, come i microchip. Il collo di bottiglia aumenta, così come il prezzo dei fattori di produzione di cui l’azienda in difficoltà ha bisogno.

Dal punto di vista economico, non c’è alcuna connessione tra la spesa pubblica aggiuntiva e il superamento delle conseguenze economiche dell’emergenza corona. Lungi dall’attivare investimenti privati ​​sostenibili, gli investimenti pubblici e le sovvenzioni lo scoraggiano, aumentando i costi per le imprese. Invece di essere utilizzate in progetti privati ​​desiderati dai consumatori, le risorse sono sempre più utilizzate in progetti desiderati e protetti dallo stato. Per raggiungere l’obiettivo autoimposto del disegno di legge e mettere rapidamente la Germania su un percorso di crescita sostenibile, sarebbe più appropriato ridurre le tasse, soprattutto in  questo momento, lasciando che siano le aziende, e le persone i consumatori, a decidere che cosa comprare cosa no.

Al contrario quell che ci vorrebbe è un bel po’ di supply side economics, cioè cancellare questi vincoli che fermano la crescita e lasciare che l’economia faccia il suo corso. Ovviamente la Germania Rosso-verde, e Gialla solo per l’austerità, non lo può capire.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal