esteri posted by

La Francia ha un buco di bilancio di 14 miliardi

Guest post di Voci dall’estero

 

Una breve news della BBC sull’ultimo grattacapo francese: un buco di 14 miliardi nel bilancio dovuto ad un eccesso di previsione delle entrate fiscali derivanti dagli aumenti delle tasse. In ogni caso Hollande – il Presidente socialista che fu entusiasticamente eletto per combattere l’austerità – prosegue deciso con aumenti di pressione fiscale e tagli di spesa!
Non sentiamo nessuna compassione per Hollande: se ti collochi tra quelli che negano radicamente IL problema è ovvio che poi ti trovi a scendere la china sbagliata e che alla fine te la vedi con la Le Pen, come già predetto da tempo da qualcuno.

 

Hollande ha ora un indice di gradimento elettorale decisamente sotto il 20%
28 maggio 2014 – BBCIl governo francese si trova di fronte ad un “buco nero” di 14 miliardi di euro  nelle finanze pubbliche dopo aver sovrastimato gli introiti fiscali dello scorso anno.
 
Da quando è stato eletto, due anni fa, il Presidente francese Francois Hollande ha alzato l’imposta sul reddito, l’IVA e l’imposta societaria.
 
La Corte dei Conti ha detto che nel 2013 le entrate aggiuntive derivanti dall’aumento di tutte e tre queste imposte ammontano a 16 miliardi di euro.
 
Si tratta di poco più della metà rispetto alla previsione del governo di 30 miliardi di introiti fiscali aggiuntivi.
 
La Corte dei Conti, che supervisiona la contabilità del governo, ha affermato che le previsioni fatte dall’Eliseo sulle entrate fiscali del 2013 si sono rivelate così largamente approssimative da gettare dubbi sulle previsioni per l’anno in corso.
 
Ha aggiunto che le previsioni sono state esageratamente ottimistiche e basate su proiezioni poco precise.
 
I dati arrivano una settimana dopo che il Primo Ministro francese Manuel Valls – che è stato nominato a marzo dopo gli scarsi risultati del Partito Socialista di Hollande nelle elezioni comunali – sembrava aver criticato la politica fiscale del Presidente dicendo che “troppe tasse uccidono il gettito fiscale”.
Crescita inconsistente
 
I sondaggi d’opinione attribuiscono ad Hollande un indice di gradimento elettorale decisamente sotto il 20% e i critici affermano che le sue politiche fiscali hanno compromesso la possibilità della Francia di avere una ripresa economica sostenuta.
 
Nonostante fosse stato eletto sull’onda di un sentimento anti-austerità, Hollande ha dovuto realizzare una serie di tagli alla spesa accompagnati da una serie di aumenti delle tasse.
 
Nel frattempo, la crescita economica è stata inconsistente e il tasso di disoccupazione ha raggiunto il livello record dell’11% alla fine del 2013.
 
Nei primi tre mesi del 2014 l’economia francese ha visto una crescita nulla rispetto allo 0,2%  dei tre mesi precedenti.
 
Lo scorso anno l’aliquota dell’imposta sul reddito per i cittadini più ricchi è stata alzata al 75%, spingendo alcuni francesi, tra cui l’attore Gérard Depardieu, a lasciare il paese e a cercare cittadinanza altrove in Europa.
 
Hollande ha già detto che non rallenterà il ritmo di riduzione del deficit, aggiungendo che la Francia “non può convivere con un debito così pesante”. 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog