attualita' posted by

FIGLI E FIGLIASTRI: PER LA UE GLI AIUTI DI STATO SONO AMMESSI … SE TEDESCHI!

‘sto coso è la sede della Nord LB: chi sceglie un architetto simile non può che fallire

 

Che bella l’Unione Europea, dove tutti i paesi sono uguali e con gli stessi diritti… oppure no? Secondo quanto riportato dal FAZ la Commissione Europea si appresta ad approvare la ricapitalizzazione delle banca tedesca Nord LB effettuata con fondi pubblici per 3,6 miliardi. L’analisi di questa decisione ha impiegato ben 9 mesi dato che l’operazione è stata svolta quasi un anno fa, ma alla fine l’esamina termina con un ok su tutta la linea.

La crisi inizia della Nord LB diventa non più affrontabile con mezzi ordinari a fine 2018 quando il peso degli NPL, dei crediti inesigibili, diventa tale da portare a 2 miliardi di perdite, dando un potente colpo alla capitalizzazione della banca. A giugno 2019 siamo in una situazion in cui,  potenzialmente, la banca dovrebbe essere chiusa perchè non rispetta i coefficienti minimi di capitalizzazione CET1, del 10,57%. La  Banca però non chiude perchè i land della Bassa Sassonia e della Sassonia-Anhalt , insieme ad altre casse di risparmio della Germania del Nord, avevano già concordato un’operazione di rifinanziamento per 3,6 miliardi. Ora questa operazione viene approvata dalla Commissione e può passare alla fase finale, cioè l’approvazione dei parlamenti dei land e l’esecuzione dell’iniezione di capitali.

La Commissione della concorrenza di Bruxelles può approvare i contributi in conto capitale di enti del settore pubblico solo se si giunge alla conclusione che un investitore privato avrebbe fornito tale capitale alle condizioni concordate. Questa affermazione è risibile, francamente, per la Nord LB sia perchè la banca era già decotta da tempo,  sia perchè due investitori privati Centerbridge e Cerberus avevano presentato due offerte per Nord LB, ma a condizioni ben diverse e che erano stati respinti dagli attuali proprietari pubblici. Proprio perchè la condizioni attuali sono diverse da quelle offerte dal mercato, in teoria, non sarebbe stata autorizzabile, ma.. è la Germania, volete che la Commissione dica di no? Non scherziamo. 

Di questa decisione saranno molto soddisfatti sia gli ex Azionisti e creditori  delle Banche dell’Italia centrale  (Etruria, Marche, Carife etc) e delle due venete, Popolare di Vicenza e Veneto Banca, che videro invece i propri istituti ammazzati per rispettare le regole della concorrenza. Potrebbe rendere più contenti invece i lavoratori dell’ILVA perchè, ora, ci sono più possibilità di autorizzazione per un diretto intervento statale.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi