attualita' posted by

Fauci ha finanziato con 50 milioni gli scienziati che hanno negato per lui l’origine artificiale del Covid-19

Quattro eminenti scienziati che hanno svolto ruoli chiave nell’influenzare la narrativa guidata dal dottor Fauci  sull’origine naturale del COVID-19 hanno ricevuto aumenti sostanziali delle sovvenzioni dall’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID), guidato  proprio dallo stesso Fauci, nei due anni successivi , ha rilevato una revisione dei dati sui finanziamenti di The Epoch Times.

Gli scienziati sono stati anche determinanti nella pubblicazione di Proximal Origin, un documento molto influente che ha promosso una teoria sulle origini naturali per SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, ed è stato spesso citato dal governo e dai media.

Le e-mail rilasciate in base alle richieste del Freedom of Information Act, hanno mostrato che questi stessi scienziati avevano detto in teleconferenza con  Fauci che erano sicuri dal 60 all’80% che COVID-19 fosse uscito da un laboratorio, quindi mentirono sapendo di mentire, e pare furono pure premiati.

In particolare, nonostante le loro preoccupazioni private sull’origine del virus, la prima bozza di Proximal Origin è stata completata lo stesso giorno della teleconferenza. Andersen e Garry erano coautori di Proximal Origin e Farzan è stato riconosciuto nella versione Nature di Proximal Origin per le sue discussioni partecipative nella creazione dell’articolo.

Inoltre, il NIAID di Fauci ha fornito un sostanziale aumento dei finanziamenti a Peter Daszak di EcoHealth, attraverso il quale il NIAID aveva finanziato la controversa ricerca sul coronavirus con guadagno di funzione presso il Wuhan Institute of Virology in Cina. Quindi Daszak è quello che più chiaramente conosce quello che è veramente successo a Wuhan, ma continua a negare. 

Alcuni di questi importi di finanziamento sono continuati fino al 2021 e una delle sovvenzioni più recenti continuerà almeno fino al 2025.

Una parte significativa dell’aumento dei finanziamenti per Daszak, così come per Andersen e Garry, è stata fornita attraverso la creazione da parte del NIAID dei Centers for Research in Emerging Infectious Diseases (CREID). Il programma, originariamente denominato Centri di ricerca sulle malattie infettive emergenti (EIDRC) durante le prime fasi di pianificazione nel 2019, è stato formalmente annunciato con un nuovo nome il 27 agosto 2020. Non si sa perché il programma sia stato inizialmente ritardato o perché è stato rinominato.

La nuova iniziativa, descritta come una rete globale che coinvolge “indagini multidisciplinari su come e dove virus e altri agenti patogeni emergono dalla fauna selvatica e si riversano per causare malattie nelle persone”, ha fornito undici nuove sovvenzioni per un totale di $ 17 milioni di nuovi finanziamenti nel primo anno e $ 82 milioni di finanziamento totale in cinque anni.

Andersen e Garry sono stati i co-destinatari di una nuova sovvenzione quinquennale di 8,9 milioni di dollari concessa nell’ambito dell’iniziativa CREID che ha istituito la rete di ricerca dell’Africa occidentale per le malattie infettive (WARN-ID). Daszak ha ricevuto una nuova sovvenzione CREID di 7,5 milioni di dollari e 5 anni che ha istituito l’Emerging Infectious Diseases: South East Asia Research Collaboration Hub (EID-SEARCH). Gli altri partecipanti al programma NIAID CREID possono essere trovati qui.

In particolare, sebbene la creazione di CREID non sia stata annunciata pubblicamente fino al 27 agosto 2020, la data dell’avviso di aggiudicazione per le sovvenzioni ad Andersen e Garry è indicata come 21 maggio 2020. La sovvenzione CREID a Daszak elenca una data di avviso di aggiudicazione del 17 giugno , 2020. La tempistica della sovvenzione di Daszak è particolarmente degna di nota in quanto è arrivata poco dopo che il presidente Donald Trump aveva revocato la precedente sovvenzione di Daszak dal NIAID di Fauci nell’aprile 2020 a causa dei coinvolgimenti di Daszak con il Wuhan Institute of Virology.

Andersen, che aveva detto in privato a Fauci il 31 gennaio 2020, che il virus “sembrava ingegnerizzato”, ma in seguito ha aiutato a guidare gli sforzi di Fauci per promuovere una versione di Fauci sulle origini naturali, ha ricevuto un finanziamento totale di 7,4 milioni di dollari nel 2020 rispetto a 4,5 milioni di dollari nei proventi delle sovvenzioni nel 2019.

Queste nuove rivelazioni sollevano una domanda ovvia: come è possibile che tra le migliaia di scienziati ammissibili a partecipare nel tanto desiderato finanziamento delle undici sovvenzioni fornite dalla nuova iniziativa CREID da 82 milioni di dollari di Fauci, tre di quelli scelti erano gli stessi individui che avevano aperto la strada nella promozione della narrativa sulle origini naturali di Fauci, nonostante le loro preoccupazioni private che il virus fosse stato creato in laboratorio.

Quindi il cerchio su Fauci si chiude: da un lato tutti questi scienziati sospettavano sull’origine artificiale del Covid-19, ma predisposero un articolo che diceva l’esatto opposto. Non solo: si accanirono al limite della bullizzazione contro gli scienziati che affermavano il contrario.  Alla fine si tratta di una vera e propria congiura per nascondere le vere origini del covid-19. Naturalmente Fauci è ancora a dirigere la campagna anti-covid del governo USA, il più pagato funzionario pubblico americano.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal