attualita' posted by

Evviva, siamo cittadini europei abbiamo il ROAMING (di Roberto Giorgini)

 

 

E’ di qualche mese fa, la diatriba sorta su Twitter circa il “grande” risultato portato a casa dall’UE; target sventolato da tutti i politici di una certa frangia come “svolta epocale”.

Analizziamo i numeri, tenuto conto che l’Italia è un paese vecchio, nel senso che abbiamo più persone anziane che giovani, quanti potranno usufruire di questa svolta epocale? Pochi, forse i lavapiatti del progetto Erasmus, qualche viaggiatore spot e qualche Businessman che ha talmente tanti soldi che del roaming se ne sbatte altamente.

Pertanto numeri alla mano possiamo dire con franchezza che, è si una svolta epocale, ma una svolta per pochi perché i pochi giovani che ci sono non hanno soldi a sufficienza per poter viaggiare in Europa.

Nell’ultimo decennio, ho abitato in diverse case, in diverse parti del nostro amato paese, e mai ho sofferto le bollette dell’energia elettrica come negli ultimi 4/5 anni.

Di questa anomalia si è lamentata anche Rita dalla Chiesa, denunciando via twitter l’elevato costo.

L’Europa inventa il mercato libero e di fatto il costo della materia prima energia passa da (2009) € 0,2024 cent a (2019) € 0,1566 – è stato preso in esame lo stesso consumatore a distanza di 10 anni.

Ma il mercato libero vuol dire dare un opportunità di lavoro a più persone, e se faccio lavorare più persone che cosa aumenta? Il costo degli stipendi; e dove li prendo i costi degli stipendi? Dalle bollette!

Nascono cosi delle voci nuove in bolletta, “Spesa per il Trasporto e la Gestione del Contatore” e “Spesa per oneri di sistema” che sono in misura rispetto alla spesa per la materia energia, varie delibere AEEG…

Insomma facendola breve, in soldoni, se nel 2009 n.1 Kw di energia compresa IVA lo pagavamo 0,223 €, nel 2019 arriviamo a pagarlo 0,316 € variabile a salire in base al consumo…abbiamo un incremento, in questo caso, di oltre il 41%.

Il soggetto in questione è un anziano signore in pensione, ex poliziotto penitenziario, che tra le altre cose ha preso anche molte percosse…e chi vi lavora lo sa bene, quindi non solo botte in servizio ma anche sberle da pensionato.

Ci troviamo a pagare di più per una infrastruttura per la quale per la maggior parte dei casi è stata costruita con i soldi pubblici e ora ci ritroviamo a pagare, per le esigenze del mercato libero, uno sproposito perché ce lo chiede l’Europa.

Vi ricordate cosa disse Mentana sulle persone che erano sul Britannia nel 1992? E soprattutto sapete a cosa servì il Britannia? Citerò un solo nome, Prodi, gli altri andate a cercarli, è semplice basta capire da italiani da che parte vogliamo stare: Di chi gode del Roaming o da chi soffre perché paga la bolletta aumentata del 41%.

A voi la scelta.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi