attualita' posted by

ESPLOSIONE A BEIRUT: foto satellitari impressionanti, e perchè Hezbollah cercava di stoccare nitrato di ammonio in Europa?

le immagini dei satelliti russi ed americani stanno dando un’idea chiara del’enorme danno causato dall’esplosione dei 2750 tonnellate di nitrato di ammonio, un concime altamente esplosivo, malamente stoccato nel porto di Beirut e quindi esploso con una potenza nucleare. Il termine non è usata a caso dato che un Kiloton è un’esplosione da 1000 tonnellate di tritolo. Qui il materiale esplosivo era più che doppio.

Qui le immagini dei satelliti americani, riportate dalla CNN

Prima

Dopo,

Il cratere prodotto dall’esplosione è enorme, e tutti gli edifici circostanti sono stati rasi a suolo.

Ecco una foto dai satelliti russi proposta da RT

qui potete vedere l’estensione del danno nella città e quante case siano state danneggiate. Si calcola che 200 mila abitanti abbiano o perso la casa o subito gravi danni.

La potenza ha perfino affondato una nave da crociera, la Oriental Queen, lunga 120 metri, che era ormeggiata a diverse centinaia di metri dall’esplosione. Sulla nave ci sono stati due morti fra il personale:

Come mai una così grande quantità di Nitrato di ammonio era conservato in un singolo deposito? Secondo RT si trattava del carico della MV Rhosus, una nave sequestrata nel lontano 2013 dalle autorità libanesi perchè in pessime condizioni mentre trasportava un carico di nitrato di ammonio. Una carretta del mare pericolosa, ma lo stoccaggio del Nitrato per così tanto tempo a Beirut si è rivelato ancora più devastante:

Il Jerusalem Post accusa Hezbollah dietro la raccolta e l’immagazzinamento di Nitrato di Ammonio, usato spesso come base per esplosivi utilizzati dai terroristi, citando anche casi in cui in Europa, prima Londra e poi in Germania, ingenti quantità di questo fertilizzante sono state sequestrate perchè la loro detenzione era legata in modo sospetto al terrorismo.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed