attualita' posted by

ERNST & YOUNG DOVRA’ AFFRONTARE ACCUSE PENALI PER IL PROPRIO COMPORTAMENTO CON WIRECARD. Era ora

 

Ernst & Young offices in London, photographed on 14 February 2018.

 

A seguito delle rivelazioni secondo cui Ernst & Young avrebbe  ignorato gli avvertimenti di informatori e altre fonti, il parlamento tedesco chiede rapporti più dettagliati al controllore dell’auditing e delle famose  “Big Four” (EY, Deloitte, KPMG, PwC)  sulla revisione di Wirecard, l’ex gioiello  fintech che è stato costretto a presentare istanza di  bancarotta concordata all’inizio di quest’anno dopo un un audit indipendente ha evidenziato un buco di 2 miliardi di dollari nel suo bilancio.

Il risultato è forse il più grande scandalo che coinvolge una società Big Four dal crollo di Enron, che ha interrotto l’attività di revisione di Arthur Andersen (l’attività di consulenza di AA è stata scorporata e ribattezzata “Accenture”). L’ex amministratore delegato di Wirecard Markus Braun è stato arrestato e rischia probabilmente più di dieci anni di carcere. L’ex direttore operativo dell’azienda, Jan Marsalek, è sospettato di essere fuggito con una grossa somma di denaro sottratto. L’esecutivo è stato smascherato come una risorsa dell’intelligence russa che potrebbe nascondersi in Russia nonostante l’avviso rosso dell’Interpol emesso a suo nome.

Inoltre, giovedì, il supervisore tedesco per l’audit avrebbe rivelato ai pubblici ministeri che EY potrebbe aver agito in modo criminale durante il suo lavoro per Wirecard. Le accuse “intensificano notevolmente i rischi legali e reputazionali per lo studio di revisione”. È solo l’ultimo segno che EY potrebbe non semplicemente lavarsi le mani di Wirecard come si aspettavano migliaia di dipendenti.

Apas, il controllore dei revisori dei conti tedesco, ha recentemente inviato un rapporto ai pubblici ministeri, diventando il primo regolatore internazionale a suggerire che EY potrebbe aver infranto la legge durante i suoi 10 anni di relazione d’affari Wirecard.

I lettori  probabilmente si stanno chiedendo proprio ora: perché i pubblici ministeri non prendono più sul serio le trasgressioni di EY? I pubblici ministeri di Monaco hanno dichiarato al Financial Times che stavano valutando le prove presentate da Apas e che non erano ancora giunti a una conclusione. I pubblici ministeri non hanno avviato un’indagine penale sul personale attuale o precedente di EY.

Il rapporto anticipa quella che dovrebbe essere un’udienza controversa giovedì pomeriggio, poiché i partner di EY sono pronti a scontrarsi con i parlamentari tedeschi su quanto possono rivelare sul loro lavoro per Wirecard senza violare le rigide regole di riservatezza. L’anno scorso Apas ha avviato un’indagine sul lavoro di EY che controlla Wirecard. EY Germany ha rilasciato il seguente commento al FT:    “non era a conoscenza di un tale documento Apas”, aggiungendo che “in base al nostro attuale stato di conoscenza, i nostri colleghi hanno condotto gli audit in modo professionale e in buona fede” e che “non c’erano assolutamente indicazioni per cattiva condotta rilevante dei revisori EY nel caso Wirecard ”.  In realtà EY ha solo la speranza di non essere travolta e cancellata dallo scandalo, ed i pubblici ministeri tedeschi sembra intenzionati, questa volta, ad andare a fondo.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito