politica posted by

Decrescita demografica? Falso problema

pensione-uomoDa più parti, tra blogger, economisti, commentatori e anche comuni cittadini è abbastanza diffusa e condivisa la tesi dell’insostenibilità del sistema pensionistico, a causa del progressivo invecchiamento della popolazione e quindi da più parti si ipotizzano e spesso si concretizzano ricette più o meno condivisibili, come innalzare continuamente l’età pensionabile, ridurre le pensioni, altri come la Boldrini aprono a massicce migrazioni di immigrati per arrivare in futuro a 66 milioni (poi mi chiedo perché dovremmo arrivare per forza a quella cifra), altri ancora chiedono politiche favorevoli all’incremento demografico e si spingono ad ipotizzare un’Italia con 100 milioni di anime (vorrei ricordare che l’Italia ha già una densità della popolazione superiore alla Cina ad esempio).
tweet-boldrini-migranti

In questa sede però non voglio criticare chi afferma che il decremento demografico renda insostenibile il sistema, perché hanno perfettamente ragione, dal punto di vista monetario e capitalista il sistema non sarà assolutamente sostenibile. E quindi veniamo a scoprire che il regime economico capitalista oltre a non funzionare nell’abbondanza come abbiamo visto nell’articolo La necessità di superare il capitalismo, è incapace anche di gestire il decremento demografico, che se vogliamo è un’altra forma di abbondanza, diminuendo le persone aumentano i capitali disponibili, lo spazio e i beni esistenti.

Quindi appurato che chi sostene il collasso del sistema a causa dell’invecchiamento della popolazione ha perfettamente ragione, come scritto in un articolo come questo  e appurato che questo è assolutamente logico valutando la situazione dal punto vista monetario in un sistema capitalista, noi vogliamo valutare il fenomeno in questione da un angolatura diversa, parallela se vogliamo, ma non per questo irreale.

Cos’è la moneta? Non vogliamo iniziare la diatriba su cosa sia la moneta, ma penso possiamo essere tutti d’accordo che la moneta è il contraltare della produzione esistente, dei prodotti, dei servizi e dei valori acquistabili. Se questi ultimi non esistessero, la moneta non varrebbe niente. La moneta è quindi ricchezza indefinita con cui si può ottenere ricchezza definita, cioè un prodotto o un servizio. La moneta è quindi un’idea, una convenzione. Purtroppo è abitudine degli ultimi secoli valutare e analizzare il mondo attraverso le idee, per poi applicarle alla realtà. I risultati sono stati e sono nefasti. Probabilmente non c’è vizio umano che abbia fatta danni e orrori paragonabile a quello che l’umanità ha commesso per idee metafisiche. Quindi, come ho fatto nel tratto Libertà Indefinita, dove non ho analizzato la Libertà partendo da fumosi diritti (come fanno ad esempio liberali, libertari, sia di sinistra che di destra) ma partendo proprio dalla realtà cioè dalla mancanza di libertà, dalla sensazione di oppressione così anche in questo caso vorrei analizzare il problema della decrescita demografica partendo non dalla moneta, cioè da un’idea fondata su basi perlomeno opinabili (Banche Centrali, Riserva Frazionaria, Tasso di Interesse e via dicendo) ma dalla realtà cioè la produzione, la ricchezza nazionale reale.

Prendiamo proprio l’Italia come esempio, sia perché è il paese che conosciamo meglio sia perché già tra i più “vecchi” del mondo. L’Italia oggi è sostenibile dal punto di vista reale, escludendo politica e finanza? Assolutamente sì e vediamo di dimostrarlo. Per dimostrarlo analizzeremo alcuni dati economici: 1) BILANCIA COMMERCIALE: nel 2015 la bilancia commerciale italiana è positiva per 45 miliardi di euro 2) BILANCIA DEI PAGAMENTI: conto corrente positivo di 33 miliardi, conto capitale positivo di 2 miliardi, conto finanziario di 49 miliardi 3) AVANZO PRIMARIO  (ENTRATE-SPESE DELLO STATO AL NETTO DEGLI INTERESSI SUL DEBITO): 1,5% 4) DEFICIT PUBBLICO: -2,6% 5) DEFICIT PUBBLICO AL NETTO DEGLI INTERESSI INTERNI: +0,2% (approssimativamente)

Quindi ricapitolando con un tasso di occupazione del 55%, con un tasso di disoccupazione del 12%, con una popolazione over 65 del 20% l’Italia riesce ad esportare più di quanto importa, ad avere una bilancia dei pagamenti positiva, lo stato al netto degli interessi sul debito e nonostante enormi problemi di corruzione e spreco riesce a spendere meno di quanto gli entra e se scorporiamo dal deficit anche gli interessi che vengono pagati a soggetti nazionali, anche il deficit pubblico in realtà non è un problema. Quindi, ora come ora, l’Italia e gli Italiani in media non vivono oltre le loro possibilità, ( se visti come un insieme unico) a conferma di ciò abbiamo inoltre la dimostrazione reale della sostenibilità del sistema, nonostante i disoccupati e i pensionati, tutti mangiano, tutti hanno una casa (anzi le case sono decisamente di più di quante ne servano), le concessionarie, i magazzini sono pieni di auto e prodotti invenduti, praticamente tutti i bisogni primari soddisfatti (ad eccezioni di qualche punto percentuale di casi limite, purtroppo) ed oltre questo si esporta più di quanto si importa ed abbiamo beni e servizi non consumati e non utilizzati. E oltre tutto questo, il 12% della popolazione non trova lavoro (quindi abbondanza oltre di prodotti e servizi anche di manodopera sia specializzata che non), senza considerare che  di quel 55% che lavora, a occhio un 15%-20% è praticamente poco o nulla produttivo (considerando dipendenti statali e privati in soprannumero, e molte lobby che potrebbero essere fortemente ridimensionate con una maggiore efficienza del sistema, ad esempio taxisti, commercialisti, notai, ecc).

Questo discorso per dire cosa? Che chi parla della decrescita demografica proponendo politiche di incremento demografico come soluzione, propone qualcosa di giusto e funzionante in un sistema capitalista basato sulla scarsità, ma è una ricetta valida per il secolo scorso e per i secoli passati, ora siamo nell’era dell’abbondanza, del troppo, della deflazione tecnologica e se i bisogni di tutti sono già soddisfatti adesso lo potranno essere lo stesso anche con un peggioramento della curva demografica, perché ormai ogni lavoratore produce in media, grazie alla tecnologia, molto di più di quello che il consumatore può consumare. Ipotizzando, come previsto dall’Istat, che nel 2050 gli over 65 saranno il 32-33% del totale, per sostenere così tanti pensionati basterebbe in proporzione che gli attuali disoccupati lavorino e che gli occupati sotto-utilizzati lavorino ad un migliore livello di utilità e il rapporto occupati/anziani sarebbe praticamente identico. Questo non considerando la deflazione tecnologica imperante e l’abbondanza di risorse che il decremento della popolazione libererebbe soprattutto dal lato immobiliare e dei capitali. Ipotizzando, ancora, una deflazione tecnologica media del 1% annuo (che è una cifra ridicola dato l’andamento esponenziale del fenomeno e l’avvento della robotizzazione), da qui al 2050 servirà il 30% della forza lavoro in meno, quindi probabilmente ci saranno comunque disoccupati nonostante il 33% di pensionati da sfamare e mantenere. (Ripeto parlo dal punto di vista lavorativo non economico/monetario)

Quindi, paradossalmente, se adesso importassimo più migranti o ci mettessimo a fare più di due figli a famiglia, non otterremo un sistema più sostenibile, ma un sistema più insostenibile perché avremmo più disoccupati da mantenere oltre i pensionati. E’ ovvio che se analizziamo il fenomeno dalla situazione attuale, fatta di debiti, contributi e sistema monetario errato, il sistema ovviamente collasserà, ma se si riuscisse a superare il capitalismo e l’attuale sistema monetario e pensionistico per orientarci verso un sistema economico sempre di libero mercato ma che sia in grado di distribuire in maniera ottimale l’abbondanza, anche la decrescita demografica, in questa precisa situazione storico-produttiva è perfettamente sostenibile anzi auspicabile sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista psicologico e di armonizzazione della densità demografica. E grazie alla deflazione tecnologica probabilmente, se in futuro il mondo riuscirà ad attuare politiche comuni, ci si potrà tranquillamente indirizzare verso una decrescita demografica mondiale senza particolari problemi di sostenibilità (beh se si riuscirà a colonizzare altri pianeti, il discorso cambia, ma allo stato attuale sembra un’ipotesi ancora remota). Concludiamo dicendo che noi partiamo dalla realtà, è la realtà è abbondanza, quindi perfetta sostenibilità dell’invecchiamento e della decrescita demografica, però se il sistema rimarrà ancorato alle vecchie logiche, probabilmente la deflazione demografica, assieme a quella da debito, a quella tecnologica, a quella di esaurimento dello scambio, porterà ad un collasso generale del sistema, cosa che in parte stiamo già vivendo e definibile come transizione post-capitalista. Se esisterà una società futura, dovrà inevitabilmente partire dalla realtà, dal lavoro e da essi far derivare la valuta e la ricchezza non come accade oggi, dove da delle idee convenzionali come moneta e capitale derivano la produzione e la ricchezza.

by Fenrir

Fonte: HESCATON.COM

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog