attualita' posted by

“Dazi sul petrolio russo? Vuol dire che lo pagherete di più”. Parola di Mosca

 

Gli acquirenti dovranno pagare di più per il petrolio o cercare forniture alternative se l’UE deciderà di imporre dazi all’importazione sul petrolio russo, ha affermato mercoledì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

“Gli acquirenti di petrolio dovranno pagare di più o cercare fonti alternative”, ha detto Peskov ai giornalisti a Mosca, come riportato dall’agenzia di stampa russa TASS.

L’idea di una tariffa dell’UE sulle importazioni di petrolio dalla Russia viene dagli Stati Uniti, che stanno valutando la possibilità di proporre ai paesi europei di imporre una tariffa invece di un embargo per placare le preoccupazioni sulla sicurezza dell’approvvigionamento e sull’aumento dei prezzi del petrolio, hanno detto in precedenza a Reuters funzionari del Tesoro statunitense questa settimana. Un dazio non bloccherebbe di per se l’import di petrolio russo, ma lo renderebbe meno competitivo rispetto a quello di produttori concorrenti, come i Paesi Arabi.

La proposta degli Stati Uniti dovrebbe essere suggerita al vertice finanziario del G7 a Bruxelles alla fine di questa settimana, poiché l’UE sta ancora lottando per trovare una posizione comune su un embargo graduale sulle importazioni di petrolio russo entro la fine dell’anno.

I membri del G7 si sono impegnati all’inizio di questo mese a smettere di acquistare petrolio russo, anche se non hanno specificato come e quando ciò sarebbe accaduto. Gli Stati Uniti hanno vietato le importazioni di prodotti energetici russi, inclusi petrolio, LNG e carbone già dall’inizio di marzo. L’Europa, invece, non può permettersi di fermare completamente gli acquisti di petrolio dalla Russia, temendo una carenza di approvvigionamento e prezzi record del petrolio e di altre energie che potrebbero far precipitare la maggior parte delle economie in una recessione.

L’UE potrebbe combinare tariffe ed embarghi, ha affermato martedì il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen dopo aver discusso i modi per ridurre la dipendenza dell’UE dall’energia russa con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

“Non stiamo cercando di dire loro cosa è nel loro migliore interesse, ma  abbiamo discusso alcune delle cose che sono in esame”, ha detto il segretario Yellen, come riportato da Reuters. Certo, hanno discusso, hanno ascoltato, e poi la Yellen ha ordinato di mettere i dazi al petrolio. Non fa una grinza.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal