attualita' posted by

Come conquistare la presidenza USA …. con 4700 dollari

 

 

Finalmente in America la lunga e pesante indagine sul Russiagate, cioè sull’intromissione russa nelle elezioni presidenziali del 2016, sta arrivando al proprio risultato,, diremmo, schiacciante. Le indagini stanno portando i propri risultati, profondi, assoluti, che mostrano come ormai le elezioni siano una barzelletta manovrabile……… oppure no?

Sundar Pinchai, CEO di Google, davanti alla commissione parlamentare d’inchiesta USA ha ammesso l’entità del coinvolgimento russo nelle elezioni ed ha rivelato l’ampiezza degli investimenti di Mosca:

​”We have – we undertook a very thorough investigation, and, in 2016, we now know that there were two main ad accounts linked to Russia which advertised on Google for about $4,700 in advertising,” Pichai risponde.

“A total of $4,700?” Nadler (presidente della commissione) chiede conferma.

“That’s right,”  ,risponde il CEO.

Abbiamo intrapreso un’approfondita investigazione ed ora  sappiamo che, nel 2016, c’erano due importanti account collegati alla Russia che hanno fatto pubblicità su Google per una spesa di circa 4700 dollari” Risponde Pichai.

Un totale di 4700 dollari” chiede il presidente della commissione Nadler.

Si giusto” risponde il CEO.

Ecco la testimonianza da ascoltare:

Bene, grazie a Google sappiamo che si possono influenzare le elezioni presidenziali negli USA con circa 4500 euro. Quindi se avete un’utilitaria in buono stato potete venderla e, con il ricavato scegliere chi guida la più potente nazione al mondo…. oppure no??

No, perchè  i dipendenti Google hanno investito 1,6 Milioni di dollari nella campagna elettorale di Hillary Clinton (dati ufficiali) senza riuscire a concludere  nulla… Quindi alla fine i cittadini, più o meno, riescono a votare ancora chi vogliono. Speriamo vada avanti ancora così.

 

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


1 Comment

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi