attualita' posted by

Come ci vedono dall’estero. Da Orwell alla Grecia

Dall’estero, un quadro impeccabile di quello che ci sta succedendo. Ne esce un quadro raccapricciante, sebbene l’autore abbia omesso alcuni dettagli ancora più raccapriccianti.

Fonte: Zerohedge, 24 Aprile 2020

In Italia sta circolando un video con un poliziotto armato che interferisce bruscamente nella celebrazione della Messa in un piccolo paese del nord Italia, Lombardia, ordinando al sacerdote di interrompere immediatamente la celebrazione e di allontanare i praticanti. Il sacerdote rifiuta e prosegue la Messa, dicendo al carabiniere che ha solo 13 partecipanti ben distanziati tra loro e che ognuno di loro indossa una mascherina. Il sacerdote sarà poi multato di 680 euro, e ogni partecipante di 280 euro, tutti per aver violato le misure governative in vigore contro gli assembramenti pubblici dovuti a Covid-19.

E pazienza se il poliziotto non conosce il Codice penale italiano che stabilisce (art.405) che chiunque interrompe i riti religiosi all’interno di un’area pubblica o di un edificio pubblico (in questo caso una chiesa) può essere punito con la reclusione fino a 2 anni. Per non parlare dell’art. 19 della Costituzione che tutela specificamente la libertà di culto e di religione. L’attuale governo italiano, probabilmente il peggiore mai avuto nella storia recente e remota italiana, ha abbandonato qualsiasi apparenza di decenza e di rispetto delle leggi fondamentali come la Costituzione italiana che – teoricamente – dovrebbe essere al di sopra di ogni altra legge del Paese.

Questo episodio è solo un’altra delle tante scene orwelliane che chiunque avrebbe definito impossibile solo poco tempo fa. Gli italiani si stanno rapidamente abituando a scene da incubo che potrebbero benissimo essere la trama di un film horror trash, come convogli dell’Esercito che trasportano cadaveri dalle zone più colpite per essere cremati altrove e senza onoranze funebri (e soprattutto senza autopsia), droni ed elicotteri che volano sopra un passeggiatore solitario lungo una spiaggia o in un parco pubblico, poliziotti che minacciano e multano chiunque venga sorpreso all’aperto “senza motivo”. [Pensiamo alle multe date a genitori in macchina che trasportavano la figlia all’ospedale o medicinali alla suocera, NdTr]

Gepostet von Maria Polizzi am Sonntag, 19. April 2020

Ragionevolezza, logica, decenza e buon senso sono tutti andati a quel paese e in un lasso di tempo che nessuno mai avrebbe potuto immaginare solo pochi mesi fa. La principale autorità morale da cui ci si sarebbe aspettato che almeno mettesse in discussione l’attuazione di queste misure folli ha rapidamente abdicato al suo ruolo. La chiesa cattolica, infatti, ha rapidamente adottato misure che nella maggior parte dei casi sono andate ben al di là di quanto richiesto dalle autorità pubbliche, chiudendo chiese, messe e funerali, senza se e senza ma. E, come nel caso del sacerdote che ha insistito per celebrare la messa, liquidandolo rapidamente come un emarginato ribelle e inopportuno.

A tutto questo si aggiunge l’attuale governo italiano, alias La Junta, che ci ricorda una giunta militare sudamericana che ha dirottato il potere con un colpo di Stato. Chiamate questo colpo di stato come volete, Pandemia, Covid-19, Corona Virus, come volete. Le libertà civili sono state sospese anche ben oltre le necessità mediche e la ragionevolezza, molto peggio che in qualsiasi altro Paese europeo. I governi italiani di oggi sembrano la replica di un governo fantoccio creato da potenze straniere, proprio come nel 1943, dopo che l’Italia fu divisa in due governi, uno a sud nella zona occupata dagli Alleati e uno a nord nella zona occupata dai tedeschi. Nessuno ha eletto questo governo, i suoi ministri, il primo ministro, i vice ministri. Appartengono a una strana coalizione di vecchi nemici giurati diventati dall’oggi all’indomani come vecchi amici d’infanzia uniti dall’interesse di spartirsi il potere.

Il M5S (Movimento 5 stelle) e il PD (Partito Democratico) si prendevano a pugni prima di formare questo nuovo governo nel 2019, in quello che era evidentemente una tipica commedia all’italiana. Ora vanno d’amore e d’accordo, non solo politicamente, ma anche, che coincidenza!, geograficamente. Oltre ad alcuni ministri e viceministri, la maggior parte dei membri di questo governo sono del Sud Italia, compreso il Premier Conte. La stragrande maggioranza di loro non vanta la sia pur minima  esperienza lavorativa, se non quella di politico fin dalla tenera età.

Dopo una serie innumerevole di nuove misure e restrizioni, il più delle volte contraddittorie, e in aperta violazione delle leggi costituzionali, il governo ha finalmente imposto un lockdonw nazionale a partire da metà marzo, quando era davvero troppo tardi, quando migliaia di persone provenienti da tutta Italia avevano avuto il tempo di tornare nelle loro città e nei loro paesi d’origine provenendo dalla zona più colpita, la Lombardia. Il fatto che la pandemia non si sia effettivamente diffusa – se non in pochi casi isolati – nel Sud Italia è stata una benedizione, in quanto sarebbe potuto rivelarsi un disastro di proporzioni bibliche, dato che il sistema sanitario pubblico del Sud è notoriamente al di sotto di standard decenti, almeno al di sotto della capacità di affrontare una tale emergenza.

Sfortunato, o meglio senza speranza, l’attuale ministro della Sanità pubblica italiano, Roberto Speranza  (sic Speranza!) è un esempio calzante di come funziona questo governo. Laureato in scienze politiche e senza alcuna esperienza in campo medico, ha nominato un team di (cosiddetti) esperti guidati da un altro esperto che ha dichiarato di essere membro dell’OMS, tra gli altri riconoscimenti e successi medici.

Ma solo pochi giorni fa, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si è sentita in dovere di rilasciare una dichiarazione ufficiale in cui si licenzia formalmente il dottor Walter Ricciardi, l’ultra-esperto voluto dal ministro senza speranza, come non facente parte dell’OMS, avvertendo che le sue opinioni “non sono da associare” a quelle dell’OMS. In realtà il tizio è un ex attore di serie B in film italiani poco noti, ma una laurea in igiene medica e le giuste conoscenze politiche gli erano valse un posto al sole come direttore dell’ISS (Istituto Nazionale Italiano di Sanità) fino al 2018, quando si dimise dopo che un’inchiesta rivelò le sue collaborazioni (mentre era direttore dell’ISS) con aziende farmaceutiche, e per i suoi sforzi di rendere obbligatorio un vaccino contro il meningococco B che si rivelò del tutto inutile.

Non ci vuole una Laurea in scienze politiche per accorgersi che si tratta di un governo fatto di patetiche marionette, la cui unica preoccupazione è quella di mantenere il più a lungo possibile i loro (redditizi) posti di lavoro seguendo gli ordini che gli vengono impartiti quotidianamente da Bruxelles, o da Berlino. Quando Paesi esteri hanno offerto il loro aiuto, come la Russia, nonostante le dichiarazioni di calorosa gratitudine della maggior parte delle autorità locali più colpite dal virus, sono praticamente scomparsi da MSM gli aggiornamenti sull’operato delle squadre russe nel nord Italia. Questo è accaduto dopo che La Stampa, notoriamente uno dei maggiori esponenti dell’establishment europeo a Torino, ha espresso dubbi sulle “vere motivazioni” della generosità della Russia con l’Italia.

Tutti concordano sul fatto che le restrizioni imposte agli italiani e alle loro libertà civili non sono solo draconiane: sono insensate anche da un punto di vista di medicina di base, ufficialmente attuate per ridurre la diffusione del virus, ma in realtà per distruggere il morale e la volontà delle persone. Perché è così? Perché il peggio deve ancora venire. La volontà e la risoluzione degli italiani devono essere spezzate per inaugurare tagli e “riforme” alla greca che metteranno in ginocchio l’Italia, costretta quindi ad accettare qualsiasi misura imposta dall’Ue.

L’acronimo onnipresente in questi giorni in Italia non è Covid. È MES, che sta per Meccanismo europeo di stabilità. Saltando tutti i non necessari tecnicismi, passiamo a ciò che significherà per l’Italia in termini semplici. Questo governo burattino, avendo ostinatamente rifiutato di adottare misure economiche che tutti gli altri Paesi europei hanno attuato, sta semplicemente esponendo l’economia a gravi rischi di default. Quando ciò diventerà inevitabile, allora il MES interverrà e costringerà l’Italia, per “salvarsi” dal collasso totale, ad accettare una macabra varietà di misure di “ripresa”, proprio come è successo alla Grecia negli anni precedenti.

E’ un déjà-vu, sempre lo stesso. Come nel 2011 quando le improvvise – forzate – dimissioni dell’ex premier Berlusconi fecero formare all’allora Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano un nuovo esecutivo non eletto incaricato delle “riforme economiche” guidate dall’euro-tecnocrate Mario Monti,  così si ripete il calvario nel 2020, per gentile concessione del nemico invisibile (cfr. Covid-19), e l’inevitabile improvviso arresto dell’economia italiana, è stata nominata dal Presidente italiano Mattarella una “task force” di esperti che sovrintendono alle politiche economiche del governo.

Entra  in scena Vittorio Colao, il cui curriculum è praticamente un cliché che non vale neanche la pena di citare. L’ex CEO di Vodafone, MBA ad Harvard, esperienze in Morgan Stanley, McKinsey, Unilever e la lista potrebbe continuare all’infinito. Per non parlare del suo rapporto personale con Bill Gates, George Soros e affini.

Subito dopo la nomina, Colao ha chiesto per sé e per i suoi colleghi “esperti” l’immunità civile e penale completa. Pensate che una richiesta così – come dire – particolare abbia fatto notizia? Non proprio. E se in qualche modo è uscita la notizia, lo dobbiamo a qualche rappresentante  dei partiti dell’opposizione che ha fatto la soffiata su una richiesta così singolare [Borghi]. Completo silenzio su MSM. Cosa dobbiamo pensare? Che questo gruppo di esperti ha evidentemente intenzione di infrangere le leggi esistenti, a dir poco. Sarà interessante vedere cosa succederà nelle prossime settimane. Nel frattempo, gli italiani sono sempre più stanchi di questo brutale e inutile isolamento e molto probabilmente non aspetteranno per poter uscire fino al 4 maggio.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


1

Seguici:

RSS Feed