attualita' posted by

Claudio Borghi: la Democrazia è in Zona Rossa

 

In un’Italia in cui “Lascienza” è al servizio dei “Chiusuristi”, per cui la discoteca di Luglio causa le infezioni di novembre, mentre , se si chiude, allora i contagi cadono subito. Una scienza ridicola, tirata fuori dai gastroenterologhi di turno che vanno in TV. Si cercherà ora , in commissione parlamentare, di sentire un po’ tutti gli scienziati del mondo, anche quelli che NON sono a favore delle chiusure totali.

La questione non è però “Medica”, ma “Politica”. A questo punto è giusto che queste decisioni non sino prese d un “Comitato tecnico scientifico”, ma dal  Parlamento. A questo punto è necessario che ogni singolo deputato i prenda la responsabilità delle misure del governo verso i suoi specifici elettori. Se i ristoranti chiudono a Gela, a Imola o a Todi, che i deputati della circoscrizione possano dire “Io ho votato pro , o contro questa norma”. Perchè a questo punto la democrazia non deve finire in Zona Rossa, non deve essere limitata da una tecnocrazia che, fra l’altro, non si basa su elementi scientifici, ma su preconcetti, ma deve dare il meglio di se e rispondere, razionalmente, ai propri elettori.

Buon ascolto e ringraziamo Inriverente

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal