attualita' posted by

Cina: dopo il boom il crack del settore dei semiconduttori

 

Ad ogni boom segue uno sboom, se non un crack, e questo avviene anche in Cina e in settori avanzati come quello dei semiconduttori. Nei primi otto mesi dell’anno, secondo gli ultimi dati di un servizio nazionale di registro imprese, un numero record di entità aziendali cinesi legate ai semiconduttori ha cessato di esistere, segnalando lo stato di stallo nel cammino all’autosufficienza del Paese in materia di chip.
Secondo le statistiche della piattaforma di database aziendale Qichacha, nel periodo gennaio-agosto si sono cancellate ben 3.470 aziende, comprese quelle che utilizzano la parola cinese “chip” nei loro nomi registrati, nei loro marchi o nelle loro operazioni. Questo numero ha superato le 3.420 imprese di questo tipo che hanno chiuso nel 2021 e le 1.397 che hanno cessato l’attività nel 2020.
L’industria dei semiconduttori è un settore ad alta intensità di capitale“, ha dichiarato giovedì Zheng Lei, professore aggiunto presso lo Shenzhen Finance Institute dell’Università cinese di Hong Kong. Egli ha indicato che alcune aziende di chip di recente registrazione potrebbero avere difficoltà a rimanere in attività a fronte della dura concorrenza e dell’attuale difficile contesto di mercato.
L’ondata di chiusure è arrivata dopo una frenesia di investimenti da parte del settore pubblico e privato cinese negli ultimi due anni per contribuire a raggiungere l’obiettivo di Pechino di autosufficienza dei semiconduttori. Il Paese ha aggiunto ben 47.400 nuove imprese legate ai chip nel 2021, dopo averne registrate 23.100 nel 2020.

Mentre i leader cinesi continuano a spingere per affrontare le “strozzature” strategiche del Paese, in particolare i circuiti integrati (IC), la recente ondata di chiusure di aziende produttrici di chip dimostra che la vacillante economia nazionale, la debolezza del sentimento dei consumatori causata dalle chiusure di Covid-19 e da altre misure di controllo della pandemia, e le crescenti tensioni tra Pechino e Washington stanno pesando sul settore dei semiconduttori.
Secondo Zhong Lin, fondatore dell’azienda di progettazione di chip GSR Electronics nella provincia sudorientale del Fujian, in un post pubblicato il 6 settembre sull’account WeChat “Semiconductor Industry Observations”, l’ondata di imprenditorialità cinese nel settore dei chip è “giunta al termine”. Zhong ha indicato che molte start-up di chip falliranno quando i finanziamenti degli investitori si esauriranno a causa della mancanza di prospettive di profitto.
La start-up di progettazione di chip Nurlink, ad esempio, è recentemente balzata agli onori della cronaca per non aver pagato gli stipendi ai propri dipendenti nei mesi di maggio e giugno. Questo avviene meno di un anno dopo che l’azienda ha completato un round di finanziamento di 200 milioni di yuan (28,73 milioni di dollari).
Il blocco prolungato di Shanghai, dove hanno sede molte multinazionali e produttori nazionali, ha anche offuscato le prospettive di molte aziende di chip. Molte delle aziende a cui è stato permesso di operare durante questo periodo hanno lavorato a una frazione della loro piena capacità in mezzo a catene di approvvigionamento interrotte e a una logistica disturbata.

In realtà alla base della crisi vi è un vero e proprio calo della domanda di chip in Cina che si ripercuote anche sull’importazione  Secondo i dati ufficiali delle dogane, il volume delle importazioni cinesi di circuiti integrati è diminuito di oltre il 12% nei primi otto mesi dell’anno a causa dell’indebolimento della domanda e dell’interruzione della produzione. Tutto questo è anche legato alla politica covid zero che ha duramente colpito i distretti industriali cinesi. 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal