attualita' posted by

Caso penale svela il traffico illegale di organi in Cina

 

Un caso penale che coinvolge un intervento chirurgico di prelievo di organi non autorizzato condotto in un’ambulanza senza licenza in Cina sta gettando i riflettori sui continui sforzi di Pechino per coprire la sua pratica sanzionata dallo stato di prelievo di organi da prigionieri di coscienza.

Lo scorso luglio, quattro medici della Cina orientale sono stati condannati tra i 12 ei 28 mesi di carcere dopo essere stati giudicati colpevoli per il loro ruolo nell’estrazione illegale del fegato e di due reni di  Li Peng, una paziente ospedaliera, dopo la sua morte.

Secondo i media statali cinesi, il fegato di Li è finito in un ospedale militare nella capitale cinese, Pechino, e i suoi reni sono andati in un ospedale nella vicina Tianjin per il trapianto. Entrambi gli ospedali sono stati identificati da un’organizzazione no profit con sede negli Stati Uniti come centri sospetti per l’estrazione forzata di organi da prigionieri politici viventi.

I medici, così come altri due complici, sono stati accusati dopo che il figlio di Li, Shi Xianglin, aveva avvertito le autorità che il registro delle donazioni di sua madre non era registrato nel database ufficiale delle donazioni in Cina. Shi ha iniziato a sospettare che qualcosa non andasse dopo aver scoperto che suo cugino Shi Zijun era stato pagato 200.000 yuan (circa $ 30.780) due giorni dopo che gli organi di sua madre erano stati rimossi. Secondo il programma ufficiale cinese per la donazione di organi, i donatori non dovrebbero essere compensati.

Il denaro è stato pagato dall’uomo d’affari locale Huang Chaoyang, che è stato anche condannato a 10 mesi di prigione lo scorso anno per il suo ruolo nell’estrazione non autorizzata di organi. Secondo i media statali cinesi, Huang Chaoyang era un uomo d’affari che vendeva attrezzature mediche.

Questo è solo uno dei pochi casi emersi ufficialmente del traffico di organi per trapianti illegale e assolutamente amorale che però avviene in Cina, con anche una certa frequenza.

Negli anni 2000, sono emersi rapporti secondo i quali il regime comunista cinese stava sistematicamente uccidendo i praticanti del Falun Gong detenuti per  utilizzare i loro organi nei trapianti. A quel tempo la Cina non aveva un programma ufficiale di donazione di organi, e funzionari cinesi hanno detto che gli organi provenivano principalmente da prigionieri giustiziati.

In mezzo al crescente controllo del sistema di trapianti di organi in Cina, il regime ha annunciato che a partire dal 1 ° gennaio 2015 avrebbe interrotto l’approvvigionamento di organi da prigionieri giustiziati e ha affermato che avrebbe fatto affidamento su un nuovo sistema di donazioni volontarie. Tuttavia, l’affermazione di Pechino è stata confutata da un rapporto del 2019.

Il rapporto concludeva, dopo un’indagine durata un anno, che la pratica dichiarata sanzionata del prelievo forzato di organi stava avvenendo su “scala significativa” in Cina, con i praticanti del Falun Gong che erano la principale fonte di organi.

Un rapporto investigativo di The Epoch Times nel 2016 ha concluso che decine di migliaia potrebbero essere state uccise al Tianjin First Central Hospital, poiché l’ospedale ha effettuato più trapianti di quanto la fornitura di organi da prigionieri giustiziati potesse supportare.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal