attualita' posted by

Breve analisi dei dati sulle sofferenze bancarie. Non si va mica bene…

Euros_burning

Diamo un’occhiata ed una rapida analisi dei dati sulle sofferenze bancarie forniti dalla Banca d’Italia e che si fermano a Luglio 2015.

Iniziamo con il volume delle sofferenze totali , che si presentano elevate: al 31/7/2015 le sofferenze totali del sistema bancario sono state pari a 197.096 milioni di euro. Rispetto al 2012 l’incremento è pari a ben il 57,7%. Ecco  un grafico che ne presenta l’evoluzione.

sofferenze totali 8-15

La crisi si è fatta sentire, e non poco, sull’economia . Quest’incremento inizia ad essere preoccupante, soprattutto perchè non presenta nessuna inversione.

Vediamo ora l’andamento delle sofferenze del settore pubblico.. Il valore al 31/07/2015 è di 465 milioni, con un incremento del 54% rispetto al 2012.

sofferenze complessive della PA

Dopo una “Scossa” fra il 2013 ed il 2014, il valore delle sofferenze nel settore pubblico appare quasi stabilizzato…. MA….. C’è sempre un MA….

Vediamo le sofferenze dello stato centrale.

sofferenze dello stato centrale 8-15

Le sofferenze bancarie dello STATO CENTRALE  sono passate da 15 a 32 milioni con il 2015. Ora la cifra è relativamente piccola, nel mare magnum delle sofferenze bancarie… ma  lo stato che è dichiarato in sofferenza .. Su’… E poi perchè questo valore è più che raddoppiato nel 2015 ?? Mistero

Passiamo ora a considerare le sofferenze verso le istituzioni (aziende etc). Iniziamo con le istituzioni finanziarie. Il valore delle sofferenze bancarie al 31/07/15 è pari a 3083 milioni.  , con un incremento rispetto al 2012 del 267%. 

sofferenze  verso altre istituzioni finanziarie

Mica male vero come incremento ? Questo significa che le aziende specializzate al credito industriale o al consumo hanno pagato più di tutti la crisi, cosa direi logica: alla fine le tensioni reddituali si scaricano su di loro.

Anche il settore delle istituzioni non finanziarie ha pagato la crisi. Le sofferenze sono pari a 140.968 milioni, con un incremento rispetto al 2012 del 68,9 %. 

sofferenze istituzioni non finanziarie

La crescita è costante, e , per ora non ci sono segnali di rallentamento. La “Ripresa” non è ancora arrivata….

Vediamo ora la situazione delle famiglie italiane. Iniziamo con quelle consumatrici. In questo caso le sofferenze sono pari a 36.976 milioni, con un incremento del 27,6% rispetto al 2012.

sofferenze famiglie consumatrici

 

 

Per quanto riguarda le attività produttive, il valore delle sofferenze ha raggiunto i 15.914 milioni di euro, con un incremento del 37% rispetto al 2012.

Sofferenze delle famiglie produttive

Nonostante la costante progressione le famiglie italiane si rivelano ancora le istituzioni finanziarie più solide, molto più solide della Pubblica amministrazione, del settore finanziario e di quello produttivo. Purtroppo è proprio un peccato che così poco sia puntato sulla loro sopravvivenza e sul loro sviluppo.

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog