attualita' posted by

Brasile: largo studio sulla profilassi con Ivermectin dà risultati interessanti…

I ricercatori in Brasile hanno scoperto che l’uso regolare dell’ivermectina come agente profilattico è associato a tassi di infezione, ospedalizzazione e mortalità significativamente ridotti  relativamente al  Covid-19.

Lo studio è stato condotto a Itajaí, una città portuale nello stato di Santa Catarina, tra luglio e dicembre 2020. Gli autori dello studio includono i medici dell’FLCCC, il dott. Flavio Cadegiani e il dott. Pierre Kory. L’autrice principale, la dott.ssa Lucy Kerr, era stata contattata dal sindaco della città proprio per finalità di definizione di una profilassi adeguata.

L’intera popolazione di Itajaí è stata invitata a partecipare al programma, che prevedeva una visita medica per raccogliere informazioni di base, personali, demografiche e mediche. In assenza di controindicazioni, l’ivermectina è stata proposta come trattamento preventivo, da assumere per due giorni consecutivi ogni 15 giorni alla dose di 0,2 mg/kg/giorno.

Dei 223.128 cittadini di Itajaí presi in considerazione per lo studio, un totale di 159.561 soggetti hanno scelto di partecipare: oltre il 70% ha scelto di assumere ivermectina e il 23% ha scelto di non farlo.

Lo studio ha riscontrato una riduzione del 44% del tasso di infezione da COVID-19 a favore del gruppo che ha assunto ivermectina (3,5% contro 8,2%). Nei casi in cui un cittadino partecipante di Itajaí si fosse ammalato di COVID-19, gli è stato raccomandato di non usare l’ivermectina o qualsiasi altro farmaco nel trattamento ambulatoriale precoce. Di coloro che sono stati infettati, sono stati confrontati due gruppi di uguali dimensioni e altamente abbinati (uno che utilizzava l’ivermectina come profilassi e uno che non lo faceva). L’uso regolare di ivermectina preventiva ha portato a una riduzione del 68% della mortalità per COVID-19 (0,8% contro 2,6%) e del 56% del tasso di ospedalizzazione (1,6% contro 3,3%).


Poiché i vaccini non erano disponibili in quel momento e esistevano poche alternative profilattiche in assenza di vaccini, Itajaí ha avviato un programma governativo a livello di popolazione per la profilassi del COVID-19. Questo è stato uno studio osservazionale prospettico che ha consentito ai soggetti di auto-selezionare tra trattamento e non trattamento. L’uso dell’ivermectina era facoltativo e basato sulle preferenze dei pazienti, dato che i suoi benefici come agente preventivo non erano stati dimostrati.

Per garantire la sicurezza della popolazione, è stato sviluppato un programma per computer per raccogliere e mantenere tutti i dati demografici e clinici rilevanti. Tutti i soggetti sono stati pesati per poter calcolare con precisione la dose corretta di ivermectina. Inoltre, è stata condotta una breve valutazione medica per registrare l’anamnesi passata, le comorbidità, l’uso di farmaci e le controindicazioni ai farmaci.

Le seguenti variabili sono state analizzate e aggiustate come fattori di confondimento o utilizzate per bilanciare e abbinare i gruppi per la corrispondenza del punteggio di propensione:

  • Età
  • Sesso
  • Precedenti malattie (infarto del miocardio e ictus)
  • Comorbilità preesistenti (diabete di tipo 2, asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva, ipertensione, dislipidemia, malattie cardiovascolari, cancro [di qualsiasi tipo] e altre malattie polmonari)
  • Fumatore o meno

Sono stati esclusi dal campione i pazienti che presentavano segni o diagnosi di COVID-19 prima del 7 luglio 2020. Altri criteri di esclusione includevano controindicazioni all’ivermectina e all’età con l’esclusione dei minori dal programma. Chi si è ammalato, siam  con o senza profilassi, è stato ugualmente curato con quello che era in quel momento disponibile alla medicina, compresa la stessa ivermectina e l’idrossiclorochina.

È interessante notare che il gruppo che si è auto-selezionato per assumere ivermectina era più anziano e aveva più comorbidità rispetto al gruppo che non ha optato per alcun trattamento. Questi risultati mostrano che l’ivermectina profilattica può essere un fattore attenuante nei gruppi con un rischio maggiore di morbilità.

Questa ricerca, per quanto interessante, ha un interesse storico e, al limite, come prova giudiziaria verso coloro che hanno a priori escluso l’utilizzo di certi medicinali in via preventiva. La variante Omicron ha cambiato completamente il gioco.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal