Euro crisis posted by

BLANCHARD (DAL SITO DEL FMI): L’ACCORDO IN GRECIA RICHIEDE SACRIFICI AD ENTRAMBE LE PARTI IN GIOCO

Dal sito del Fondo Monetario Internazionale riportiamo la traduzione di un post di Olivier Blanchard, il direttore del FMI stesso al tempo in cui vennero avviati i lavori in Grecia. Vi rammento che l’operazione tagli e tasse in grecia fu di una portata pazzesca, ancora oggi non mi capacito di come questo popolo venga additato della colpa di non aver fatto i compiti a casa. Il nostro amico e caro lettore Nikos ci rammenta cosa effettivamente accadde:

NIKOS TAGLI E TASSE GRECIA 2010_20141) aumento tasse del 12.3% del PIL;

2) aumento tagli del 12,3% del PIL.

3) in totale 24.5% del PIL.

 

Ovvio che poi il paese abbia subito un crollo del PIL e dell’occupazione. Per inciso, il governo responsabile di questi tagli applicò il principio dell’EQUIVALENZA RICARDIANA nella speranza che LO SPIAZZAMENTO potesse funzionare al contrario, ovvero che LA FIDUCIA IN MINORI TASSE potesse spingere la gente a maggiori consumi, da cui maggiori investimenti delle aziende, da cui una grande ripresa in conseguenza della fiducia che nel futuro ai cittadini rimarrà in tasca maggior moneta.

Purtroppo questa è solo una teoria e l’effetto pratico fu quello di eliminare moneta e PIL direttamente (coi tagli alla spesa pubblica e l’aumento di tasse) e indirettamente (agendo via moltiplicatore keynesiano sulla propensione ai consumi e alla tesaurizzazione da parte dei cittadini).

Il risultato concreto fu solamente un incredibile crollo del PIL e dell’OCCUPAZIONE. La conseguente deflazione salariale, garantita dal perfido lavoro svolto dalla curva di Phillips, avrebbe potuto garantire maggior competitività estera della nazione ed invece si tradusse esclusivamente in un incremento del saggio di profitto delle aziende. Di tal guisa, possiamo spiegare il mancato recupero del PIL,  atteso ed auspicato, da tigre asiatica del PIL della nazione.

Così arriviamo ad oggi che ancora tutto è da rifare, debito pubblico da ridurre, ulteriori manovre recessive da attuare. L’accordo ormai sembra a portata di mano …..ma anche no (vedi commenti di Schauble)! Il bello è che l’accordo attuale riguarderà 1,7 miliardi di aiuti per il rimborso al FMI dei suoi aiuti e la UE nicchia proprio nel mentre che questi 2 miliardi vengono dati dalla BCE alle banche greche via ELA. I greci ritirano questi soldi dalle banche ogni giorno e se li spostano nelle banche estere (vedi nuova esplosione del TARGET2). Una vera e propria gabbia di matti!

target2

E mentre ci sediamo con il sacchetto di pop-corn in mano per goderci l’ennesimo film in salsa greca, godiamoci le parole del post di Blanchard, uno che di economia ci capisce e che sebbene cacciato dalla Direzione del FMI è comunque ospitato nel loro sito per i suoi interventi.

******************************************************************************************************************************************************************************************************

Grecia: un accordo credibile richiederà decisioni difficili da tutte le parti

 

“Lo stato dei negoziati tra la Grecia ei suoi creditori ufficiali – la Commissione europea, la BCE e l’FMI – i titoli ha dominato la scorsa settimana. Al centro dei negoziati è una semplice domanda: Quanto di un adeguamento deve essere presentata dalla Grecia, quanto deve essere fatta dai suoi creditori ufficiali?

Nel programma concordato nel 2012 da parte della Grecia con i suoi partner europei, la risposta è stata: la Grecia è stato quello di generare abbastanza di un avanzo primario per limitare l’indebitamento. Ha inoltre approvato una serie di riforme che dovrebbero portare a una maggiore crescita. In considerazione, e soggetta alla realizzazione greco del programma, i creditori europei erano a fornire il finanziamento necessario, e dare un sollievo del debito se il debito superava il 120% entro la fine del decennio.

L’avanzo primario del programma è stato pari al 3% nel 2015, e del 4,5% l’anno prossimo. Gli sviluppi economici e politici hanno reso questo un obiettivo irraggiungibile, e l’obiettivo deve essere chiaramente diminuito. E ‘inclusa anche una serie di riforme volte ad incrementare la crescita a medio termine, e rendendo l’aggiustamento fiscale più facile. Questi devono altresì essere riesaminate.

In questo contesto, di quanto dovrebbe target avanzo primario ridotto? Un obiettivo più bassa porta ad un aggiustamento fiscale ed economica meno doloroso per la Grecia. Ma porta anche a un bisogno di più finanziamenti ufficiali esterni, e un impegno a più la riduzione del debito da parte dei paesi creditori europei. Così come c’è un limite a quello che la Grecia può fare, c’è un limite a quanto di finanziamento e la riduzione del debito dei creditori ufficiali sono disposti e realisticamente in grado di fornire, dato che essi hanno i loro contribuenti da considerare.

Come dovrebbe il set iniziale di riforme essere rivalutato? Cittadini greci, attraverso un processo democratico, hanno indicato che ci sono stati alcune riforme che non vogliono. Noi crediamo che sono necessarie queste riforme, e che, assenti queste riforme, la Grecia non sarà in grado di sostenere una crescita costante, e il peso del debito diventerà ancora più alto. Anche in questo caso, vi è un compromesso: Nella misura in cui il ritmo delle riforme è più lento, i creditori dovranno fornire più la riduzione del debito. Anche in questo caso, vi è un chiaro limite a ciò che essi sono disposti a fare.

L’offerta fatta al governo greco la scorsa settimana riflette queste considerazioni e questi compromessi. Si propone di abbassare l’obiettivo avanzo primario di bilancio a medio termine dal 4,5% del PIL al 3,5%, e dare la Grecia altri due anni per raggiungere tale obiettivo, così l’obiettivo per quest’anno è stato ridotto a 1% -ed è chiesto un più limitato set di riforme.

Per un accordo in tal senso, per essere efficace e credibile però, due condizioni devono essere soddisfatte.

Da un lato, il governo greco ha da offrire misure veramente credibili per raggiungere l’avanzo di bilancio di destinazione più basso, e deve dimostrare il suo impegno per l’insieme più limitato di riforme. Crediamo che anche il nuovo obiettivo inferiore non può essere raggiunto in maniera credibile senza una riforma complessiva del valore aggiunto (IVA) – che coinvolge un allargamento della sua base – e un ulteriore adeguamento delle pensioni. Perché insistere sulle pensioni? Pensioni e salari rappresentano circa il 75% della spesa primaria; il restante 25% sono stati già tagliati all’osso. Spesa pensionistica rappresentano oltre il 16% del PIL, e trasferimenti dal bilancio al sistema pensionistico sono vicini al 10% del PIL. Crediamo che una riduzione di spesa pensionistica di 1% del PIL (su 16%) è necessaria, e che può essere fatto, proteggendo i pensionati più poveri. Siamo aperti a metodi alternativi per la progettazione sia per l’IVA e le riforme delle pensioni, ma queste alternative necessario aggiungere e consegnare l’aggiustamento fiscale richiesto.

D’altra parte, i creditori europei dovrebbero accettare di significativi ulteriori finanziamenti, e per la riduzione del debito sufficiente a mantenere sustainability.We debito credere che, in base alla proposta attuale, la riduzione del debito può essere raggiunto attraverso un lungo rinegoziazione dei pagamenti del debito a basso tassi di interesse. Ogni ulteriore riduzione del bersaglio avanzo primario, prima o poi, probabilmente richiederebbe, tuttavia, tagli di capelli.

Si tratta di scelte difficili, e gli impegni difficili da effettuare su entrambi i lati. Ci auguriamo che un accordo può essere raggiunto in questo senso”

Screenshot_14

************************************************************************************************************************************************************************************************

Maurizio Gustinicchi

A MAURI E IL PROF

1

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog