attualita' posted by

Avvertimento russo: “Se ci designate stato terroristico rompiamo le relazioni diplomatiche”

 

Un diplomatico russo ha avvertito che se il suo Paese verrà dichiarato sponsor statale del terrorismo, ciò potrebbe non solo danneggiare le relazioni tra Stati Uniti e Russia, ma potenzialmente interromperle del tutto.

Venerdì Alexander Darchiyev, direttore del dipartimento nordamericano del Ministero degli Esteri russo, ha dichiarato all’agenzia di stampa TASS:

Vorrei citare l’iniziativa legislativa attualmente in discussione al Congresso per dichiarare la Russia “Paese sponsor del terrorismo”. Se venisse approvata, significherebbe che Washington dovrebbe oltrepassare il punto di non ritorno, con i più gravi danni collaterali alle relazioni diplomatiche bilaterali, fino al loro abbassamento o addirittura alla loro rottura. Gli Stati Uniti sono stati avvertiti“.

I senatori Lindsey Graham (Repubblicano) e Richard Blumenthal (Democratico) hanno esercitato pressioni sull’amministrazione Biden per ottenere la designazione del terrorismo, che consentirebbe nuove categorie di sanzioni. Oggi i Paesi designati sono solo quattro: Cuba, Corea del Nord, Iran e Siria.

Il 28 luglio, il Senato ha approvato una risoluzione non vincolante che chiede al Segretario di Stato Antony Blinken di designare la Federazione Russa come Stato sponsor del terrorismo. In quell’occasione, Graham ha commentato così la potenziale designazione:

Significa che fare affari con la Russia con questa designazione diventa estremamente difficile – ha sanzioni con effetto secondario, limiterebbe i prodotti a doppia esportazione e, cosa più importante, rinuncerebbe all’immunità sovrana quando si tratta di fare causa alla Russia nei tribunali statunitensi. Questa designazione sarebbe un incubo per la Russia“. Quindi taglierebbe completamente i contatti anche indiretti di carattere economico con la Russia.

I senatori Graham e Blumenthal consegnano al presidente ucraino Zelenskey una copia incorniciata della loro risoluzione del Senato
Blinken, tuttavia, ha affermato che una designazione per terrorismo non cambierebbe molto le cose: “I costi che sono stati imposti alla Russia da noi e da altri Paesi sono assolutamente in linea con le conseguenze che deriverebbero dalla designazione come Stato sponsor del terrorismo”.

Giovedì, il parlamento lettone ha fatto la propria designazione di sponsor del terrorismo nei confronti della Russia. “La Lettonia riconosce le azioni della Russia in Ucraina come un genocidio mirato contro il popolo ucraino”, ha dichiarato la risoluzione del parlamento.

“Una mossa tempestiva”, ha twittato il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. “La Russia si è meritata da tempo questo status con le sue azioni in Ucraina e non solo. L’Ucraina incoraggia altri Stati e organizzazioni a seguire il suo esempio”.

Designare la Russia come Stato sponsor del terrore per un’invasione militare convenzionale rappresenterebbe solo l’ultima bastardizzazione e corruzione nell’uso del termine. In effetti, se l’etichetta di terrore venisse apposta a ogni invasione accompagnata da presunti crimini di guerra, il governo degli Stati Uniti dovrebbe designare se stesso.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal