attualita' posted by

Avete bollette super? Colpa della “Responsabilità verde” dei grossi investitori

Lo stratega del credito di DB, Jim Reid, è intervenuto sulla crisi energetica esaminata dal punto di vista degli investimenti, scrivendo che “forse nel tempo l’impennata d’investimenti nel settore  estrattivo  tra il 2010-2015 sarà considerato l’eccezione piuttosto che la norma e che, in un mondo in rapida evoluzione e sempre più sensibile ai fattori ESG, sarà sempre più difficile estrarre il petrolio. La determinazione dei prezzi delle esternalità del cambiamento climatico più in generale potrebbe rendere le cose più costose nel tempo. Siamo sull’orlo di un altro cambiamento nelle aspettative di inflazione dovuto al petrolio e all’energia, uno che è in gran parte dovuto ESG.

Ora che gli effetti diretti di questa politica catastrofica stanno diventando fin troppo evidenti, e da nessuna parte più che in Europa, dove i prezzi del gas sono esplosi a livelli sbalorditivi. Estrarre in modo “Verde” petrolio e gas costa molto di più, richiede molti più investimenti, costa molto più caro e quindi il prodotto viene a costare di più.

 

Secondo John Authers di Bloomberg, la baste dell’iperinflazione europea del gas risiede proprio  nel tentativo di “decarbonizzare ” e passare dai combustibili fossili alle fonti di energia rinnovabile, “il problema è assicurarsi che rimanga disponibile energia da carbonio sufficiente fino a quando le rinnovabili non saranno in grado di sostenere il carico. Ciò non è accaduto“. Gli europei sono stati frettolosi, ideologici e approssimativi, e ora ne paghiamo le conseguenze.

Quel che è peggio è che mentre più capitali affluiscono alle rinnovabili, meno capitali vanno alle fonti di combustibili fossili esistenti, che, anche se forse in via di estinzione (nei prossimi 4-5 decenni) hanno ancora bisogno di centinaia di miliardi per mantenere un livello soddisfacente di produzione di base, e gli investitori che vogliono “Segnalare il proprio impegno” come Blackrock non vorrebbero investirvi nulla

Mettendo tutto insieme, durante la notte Moody’s Investors Service ha pubblicato un rapporto che ha rilevato che le società petrolifere  petrolio devono aumentare gli investimenti nella perforazione del 54% a più di mezzo trilione di dollari per prevenire un significativo deficit di offerta nei prossimi anni. Deficit dell’offerta significa prezzo alle stelle, dato che le fonti alternative energetiche latitano. 

Gli estrattori  di greggio e di gas naturale – castigati dal crollo senza precedenti della domanda e dei prezzi dello scorso anno, nonché dallo stigma del capitale in corso associato a tutto ciò che non è “verde” – non hanno risposto al recente rimbalzo del mercato come fa di solito il settore espandendosi la ricerca di campi non sfruttati. Mentre il greggio internazionale e il gas statunitense sono aumentati di oltre il 50% e il 120% quest’anno, rispettivamente, si prevede che le spese di perforazione aumenteranno solo dell’8% a livello globale, hanno scritto gli analisti di Moody’s Sajjad Alam.

Inutile dire che è troppo poco per sostituire ciò che quelle aziende pompano da terra nel 2022, ponendo le basi per scenari con forniture ancora più scarse e prezzi ancora più stellari. Questo manderebbe i prezzi alle stelle per le economia europee e asiatiche ancor più di quanto non stia avvenendo ora.

“L’industria dovrà spendere molto di più, soprattutto se la domanda di petrolio e gas continuerà a salire oltre i livelli pre-pandemia fino al 2025”, hanno scritto gli analisti di Moody’s.

Ed i prezzi vanno alle stelle

Si prevede che le compagnie petrolifere e del gas spenderanno $ 352 miliardi in trivellazioni e attività correlate quest’anno, ha affermato Moody’s, citando le stime dell’Agenzia internazionale per l’energia. Se aumentassero fino ai 542 miliardi di dollari raccomandati dalla società di rating del credito, sarebbe il più alto a livello mondiale dal 2015. Purtroppo molti investitori temono di essere stigmatizzati dalla potente lobby verde, dell’energia ESG, per cui ci dovranno essere dei premi molto alti per far partire nuovi investimenti. Però questa condizione si sta per avverare.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal