esteri posted by

La Germania sfida Washington sulle sanzioni alla Russia, ritiene che favoriscano le aziende USA! Scontro imminente?

Traduzione: La Germania accusa gli USA di voler beneficiare le sue imprese con le sanzioni alla Russia

http://internacional.elpais.com/internacional/2017/06/15/actualidad/1497548830_862699.html

Ancora una volta i giornali stranieri ci fanno capire come stanno veramente le cose. I giornali italiani, beh, per quanto mi riguarda inutile leggerli per eccesso di doppioscarpismo (voler tenere il piede in due scarpe, ndr – vedasi oltre –). Al massimo vanno bene per trovare notizie simpatiche o vedere qualche lato B, per i fini di capire la realtà invece…

Dunque, chapeau ai tedeschi (assieme ai cugini austriaci) per aver evidenziato pubblicamente l’ovvio: le sanzioni alla Russia volute dall’ “Occidente (americano)” servono per avvantaggiare le aziende a stelle e strisce, della serie boicottando i russi sei obbligato a rivolgerti agli USA per determinati prodotti/servizi. Come ad esempio nell’energia e nella difesa, n’è vero? E chapeau anche ai giornali spagnoli per averlo reso pubblico a mezzo stampa in prima pagina, almeno quella web.

L’aspetto importante non è però quello sopra quanto evidenziare come le traiettorie strategiche di EUropa tedesca ed USA stiano tragicamente e radicalmente divergendo. Oggi che Washington – non a caso dopo 8 anni di una presidenza disastrosa sotto tutti i punti di vista come quella di Barack Hussein Obama, evidentemente i tedeschi ed i francesi lo hanno coccolato e supportato con il fine di far affondare l’America – sta vivendo il suo momento più nero dalla fine dell’ultima guerra mondiale iniziamo a vedere la dissociazione degli alleati dal dominus USA. Stessa lezione della storia di sempre. In questo contesto l’Italia – che è stato un protettorato USA per 75 anni – ha tantissimo da perdere. Dunque ecco spiegata la reazione degli inutili politici italiani, il doppioscarpismo romano in attesa di capire chi vincerà, con giornali al seguito…

Che tristezza.

http://www.lettera43.it/it/articoli/mondo/2017/03/06/tra-trump-e-putin-la-germania-corre-al-riarmo/209029/

Ora le conseguenze strategiche. Prima di tutto non dimentichiamo che se Trump dovesse essere sostituito la presidenza passerà a Pence supportato dai militari USA i quali sono forse la fazione più ardentemente in contrapposzione con Berlino (in quanto la Germania sta cercando di costruire un proprio esercito inevitabimente contrapposto a quello USA, a termine, ndr). Dunque non fate l’errore di pensare che Washington senza Trump interromperà la contrapposizione con i tedeschi in quanto, i tedeschi, la stanno sfidando apertamente. E ad una sfida bisogna dare una risposta adeguata soprattutto se va a toccare interessi vitali. Punto.

Ecco perchè, Trump o non Trump (chi scrive spera vivamente che il tycoon newyorkese possa risolvere tutti i suoi problemi, non riesco a nascondere la simpatia che ho nei suoi confronti), chi comanderà l’America durante i prossimi 4 anni sarà un repubblicano. Or dunque, attenzione che alla fine non sia l’EUropa tedesca a soccombere a termine. Euro incluso.

Per due ragioni: la prima, scontata, gli USA sono in grado di sconfiggere qualsiasi avversario o con l’arma miltare o con l’arma economica a maggior ragione se si tratta di contrastare un forte esportatore (come la Germania, basta che gli USA smettano di consumare i suoi prodotti). La seconda è che non vedo nessun europeo veramente disposto a combattere per salvare Berlino, la sua protervia ed i suoi interessi asimmetrici in caso di confronto reale tra le due sponde dell’Atlantico. Vi vedete vostro figlio andare a combattere come fecero i nonni italici sul Don, letteralmente abbandonati dai tedeschi durante la tragica ritirata nella steppa russa per la sola “colpa” di essere italiani?

Io no.

MD

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog