attualita' posted by

Anche farti prendere per i fondelli, quello no (Renzi in Germania)….

Vertice del G7 in Germania, vengono suonati gli inni nazionali per accogliere i capi di stato.

Arriva L’Eroico Alleato, il presidente del Consiglio Italiano Galeazzo Musolesi Matteo Renzi,

 

galeazzo2

 

Ad accogliere il nostro c’è la banda, con un po’ di ragazzotti in abito tipico ed il presidente della Baviera. La banda attacca con l’inno…… ed inizia a suonare “Azzurro” di Paolo Conte, reso famoso da Celentano. Mica “Fratelli d’Italia”, neppure nella versione storpiata per lo stesso premier (Ricordiamo il “Siam pronti alla vita” anzichè “Siam pronti alla morte”, tanto per sottolineare che ci si cala le braghe di fronte a tutto) Non ci credete? Guardate qui:

 

 

Ora, immaginate se accogliessero Obama con “Rock and Roll around the clock”, oppure Hollande con “La vie en rose”, o Cameron con “God save the Queen”, ma quella dei Sex Pistols…

 

Naturalmente , dato che stiamo diventando una nazione buffonesca, che non rispetta neppure se stessa, ci meritiamo in pieno lo sberleffo tedesco. Avremmo preferito magari che avessero scelto qualche altro pezzo meno banale. Ad esempio , sempre rimanendo sempre su Paolo Conte, il famoso “Bartali”

 

 

Almeno in questo caso “I francesi ci rispettano, che le balle ancor gli girano”, e , come la politica europea, “E’ tutto un complesso di cose”; e poi, come la Merkel, “Le donne a volte si sono scontrose, o forse han voglia di fare la pipì”.

Potevano scegliere un sempreverde “Lasciatemi Cantare” di Toto Cotugno:

Che almeno ricordava un’Italia della lira che non c’è più, quella che aveva “Un partigiano come presidente” e  “Non si spaventa, la crema da barba alla menta”..

Comunque bisognerebbe rendere il favore, ed accogliere la Merkel, al suo prossimo viaggio in Italia, con qualche pezzo della moderna musicografia tedesca. Che ne dite di “99 Luftballons”

 

 

Si poteva pensare anche a Falco, per esempio “Der Kommissar” , ma il povero cantante era austriaco, non tedesco… quindi lo riserviamo per le visite di stato di Vienna. 

Comunque abbiamo ancora due chicche da proporre a Frau Merkel: Da Da Da dei Trio

Oppure, se volessimo proprio rendere pan per focaccia, Autobahn dei Kraftwerk, oltre 22 minuti di piacere elettronico (nella versione lunga, ma ve ne facciamo grazia), proprio significativo del potere della moderna industria elettromeccanica tedesca..

 

 

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog