attualita' posted by

36 Stati contro Google per il Play Store

Google mercoledì è stato oggetto di una causa intentata da un gruppo di procuratori di molti stati USA per presunta violazione delle leggi antitrust da parte del suo app store Android. I procuratori generali di 36 stati e il Distretto di Columbia hanno citato in giudizio la società del Big Tech in una denuncia di 144 pagine presentata al tribunale federale della California settentrionale. Il gruppo sostiene che il Play Store di Google per le app Android viola le leggi antitrust.

La denuncia è incentrata sul controllo che Google è in grado di esercitare sul suo Play Store, consentendogli di raccogliere commissioni fino al 30% sulle transazioni digitali all’interno di app installate su smartphone Android. Questi dispositivi rappresentano oltre l’80% del mercato mondiale degli smartphone.

Guidato da Utah, North Carolina, Tennessee, New York, Arizona, Colorado, Iowa e Nebraska, segna la quarta importante causa antitrust intentata dalle agenzie governative degli Stati Uniti contro la società dall’ottobre 2020.

Altre cause intentate contro Google includono una denuncia presentata da una coalizione di stati bipartisan e una presentata dal Dipartimento di Giustizia. Fa eco alle accuse mosse contro la società dal produttore di giochi per dispositivi mobili Epic Games nell’agosto 2020. Quel caso è in attesa di giudizio.

La denuncia sostiene che Google ha implementato varie tattiche e istituito barriere anticoncorrenziali per garantire la distribuzione di oltre il 90% delle app su dispositivi Android, una quota di mercato che, secondo i procuratori generali, rappresenta un monopolio illegale. Sostiene inoltre che Google abbia abusato di quel potere per raccogliere miliardi di dollari di profitti a spese dei consumatori, che finiscono per pagare prezzi più alti per sovvenzionare le commissioni, e dei produttori di app che hanno meno soldi e incentivi per innovare.

“Google deve essere ritenuto responsabile per aver danneggiato le piccole imprese e i consumatori”, ha dichiarato il procuratore generale dello Utah Sean D. Reyes in una nota.

“Deve smettere di usare il suo potere monopolistico e la sua posizione di mercato iperdominante per sfruttare illegalmente miliardi di dollari aggiunti da aziende più piccole, concorrenti e consumatori oltre quanto dovrebbe essere pagato”.

Rispondendo alla causa, Google ha definito le accuse “infondate”.

“Non imponiamo le stesse restrizioni degli altri sistemi operativi mobili”, ha scritto mercoledì Wilson White, senior director di Public Policy di Google.

“Quindi, è strano che un gruppo di procuratori generali dello stato abbia scelto di intentare una causa attaccando un sistema che offre maggiore apertura e scelta rispetto ad altri”.

Da un lato è vero, Android NON impedisce d’installare App downlodate da altri store, ma, nello stesso tempo, chi lo fa passa per una sorta di “Trafila della paura” in cui si viene avvisati di morte e altre disgrazie se installate. Non proprio un modo corretto per lasciar competere tutte le parti.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal