attualita' posted by

2000 EURO A DIPENDENTE: ecco la stangata del Governo sulle auto aziendali

 

Come avevamo sottolineato varie volte questa finanziaria “Di passaggio” è piena di piccole trappole, di piccole norme nascoste che però fanno sentire il proprio effetto in modo estremamente efficace. Un esempio è il cambiamento sul regime delle auto aziendali. Sino ad ora la spesa per l’auto aziendale, concessa come fringe benefit al dipendente, veniva a ricadere sul reddito dello stesso solo per il 30%. Nella bozza della nuova finanziaria questo valore diventa pari al 100%, e su questo valore totale verranno a pesare imposte e contributi.

Quindi se l’azienda concede l’auto al dipendente e questa costa all’aziende, per esempio, 10 mila euro annui, il reddito del dipendente non verrà più ad  esere incrementato di soli 3000 euro, come ora, ma di tutta la cifra, cioè 10 mila euro. Questo poterà ad un forte aumento del carico fiscale e contributivo: il Corriere calcola che per una Punto 1,4 assegnata al dipendente il carico fisclae sullo stesso aumenterebbe di 2000 euro. Alla faccia della riduzione del cuneo fiscale! Tra l’altro la misura non ha neppure una scusante ecologica perchè colpisce anche le auto ad energia alternativa.

La misura non è per nulla secondaria anzi sono previsti ricavi per 532 milioni, per cui questa volta non sparirà dalla legge di bilancio come è successo ad altre misure che davano entrate minime e che  quindi sono state assorbite diversamente. Il tutto quando, nonostante le enormi incertezze per l’introduzione di formule ibride ed elettriche, il mercato ,e quindi la relativa occupazione, stava dando qualche timido segnale di ripresa

Sembra che il governo sia abilissimo nel distruggere qualsiasi settore economico che abbia un anche minimo sentore di miglioramento. Un cupio dissolvi di cui gli elettori si ricorderanno bene

 

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito