attualita' posted by

TUTELIAMO I MIGRANTI: VIETIAMO GLI SBARCHI IN iTALIA

 

 

Mezzo mondo ormai ritiene , a torto o a ragione, l’Italia il lazzaretto del mondo ,molto più della Cina dove la il contagio ha avuto inizio e dove i morti, e morti per il morbo, si contano a migliaia. Una politica nazionale incapace di comunicare unita ad una mania di controllo che percorre il nostro modo di essere ha fatto si che, a fronte di un alto numero di controlli, abbiamo avuto anche un alto numero di positivi (non di malati, di test positivi), siamo diventati i Paria d’Europa e di mezzo mondo.

Ogni giorno una compagnia aerea cancella dei voli, se non proprio interrompe i contatti conil nostro Paese: si è iniziato con il Kuwait, per poi passare a Israele, quindi vedere Turkish Airways e America Airways cancellare i voli per il nostro paese. Le compagnie europee non osano cncellare tutti i voli, ma li hanno ridotti per almeno il 50%.

Una parte è dovuta al calo della domanda, ma una parte, come ad esempio quelle da Israele, sono legate ad una paura. Sarò divertente vedere, fra qualche mese, la nostra TV piena di pubblicità per visitare “Le due città, Tel Aviv e Gerusalemme”. Non bisogna dimenticare chi ci è stato amico e chi ci ha voltato le spalle.

Soprattutto, in questi giorni sono proseguiti gli sbarchi delle navi di “Salvataggio” delle ONG nordiche, sempre impegnate nel loro quotidiano e regolare lavoro di traghettamento dal Nord Africa alle coste italiane. Ora, dato che l’Italia è così appestata e piena di virus letali, dato che non riusciamo a contenere il contagio, è necessario tutelare le vite dei Migranti, anche irregolari e sbarcarli in porti VERAMENTE sicuri, come quelli francesi: Macron ha infatti assicurato che la Francia è prontissima a combattere il Virus, quindi 50 o 100 migranti in più o in meno non cambieranno nulla.

Ci aspettiamo che siano le stesse ONG a prendere questa decisione. Non vorranno mica mettere a rischio le vite dei migranti ?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed