attualita' posted by

Senza la Russia il petrolio arriverà a 150 dollari

Nonostante l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono stati riluttanti a imporre sanzioni alle esportazioni di petrolio e gas dalla Russia, poiché gli alleati occidentali sono preoccupati per le ripercussioni sull’approvvigionamento energetico dell’Europa e l’aumento vertiginoso dei prezzi del petrolio e della benzina.

Tuttavia, le potenziali sanzioni sulle esportazioni di energia russe non sono fuori discussione. Peccato che, secondo gli analisti, se l’Occidente mettesse al bando il petrolio russo, i prezzi internazionali del greggio potrebbero salire alle stelle fino a 150 dollari al barile.

Del resto anche in assenza di sanzioni sul petrolio russo, i prezzi rimarranno molto alti e saliranno ancora perché acquirenti e raffinatori sono in modalità “auto-sanzioni”, non osando toccare il greggio russo e cercando forniture alternative. La possibilità di un accordo nucleare iraniano che consenta all’Iran di tornare legittimamente ad esportare il suo petrolio è un potenziale freno ai prezzi del petrolio, ma i barili della Repubblica islamica non possono sostituire la perdita di petrolio russo, affermano gli analisti. Del resto la Russia sta mettendo i bastoni fra le ruote anche a quel mercato.

“Anche se alcuni rimangono paralizzati dall’idea che un accordo con l’Iran fornirà il sollievo tanto necessario (dall’aumento dei prezzi del petrolio), avvertiamo ancora una volta che l’accordo non è ancora concluso e le somme sarebbero semplicemente troppo piccole per riempire una grave interruzione russa, Lo ha scritto giovedì l’analista di RBC Capital Helima Croft in una nota citata da Reuters.

C’è già un’interruzione nelle esportazioni petrolifere russe mentre Mosca affronta crescenti sfide nella vendita dei suoi greggi e prodotti petroliferi marittimi, con commercianti, raffinerie, banche, assicuratori e proprietari di petroliere non disposti a toccare nulla che provenga dalla Russia.

L’invasione russa dell’Ucraina è stata accolta con una severa risposta alle sanzioni da parte di Stati Uniti, UE e Regno Unito. Gli alleati occidentali hanno cacciato diverse banche russe dal sistema internazionale SWIFT e, sebbene le sanzioni dirette sul petrolio e sul gas della Russia non siano (ancora) attuate, il commercio di materie prime russe è diventato tossico per molti attori globali.

“A causa delle sanzioni bancarie, abbiamo stimato che circa il 70% delle esportazioni russe di greggio non può essere toccato. Si tratta di circa 3,8 milioni di barili al giorno”, ha detto alla CNBC Amrita Sen, direttore della ricerca presso Energy Aspects.

Le esportazioni russe di greggio e prodotti raffinati sono diminuite di un terzo, o di 2,5 milioni di barili al giorno, questa settimana, secondo le stime di Energy Intelligence basate sui dati sulle spedizioni e sulle interviste ai commercianti.

I partecipanti al mercato petrolifero hanno iniziato a rendersi conto che molto petrolio russo potrebbe essere fuori mercato nel prossimo futuro, anche se l’Occidente non impone sanzioni dirette al petrolio russo, aggiungendosi ai già ristretti equilibri di mercato.

Il mercato petrolifero sembra credere che le sanzioni sul petrolio russo stiano arrivando, ha detto questa settimana alla CNBC John Kilduff, partner di Again Capital.

“Questi sono barili che non possiamo recuperare, ecco perché questo mercato è incerto”, ha detto Kilduff.

Le sanzioni sul petrolio dalla Russia, che esporta circa 5 milioni di barili al giorno di greggio e 2,8 milioni di barili al giorno di prodotti raffinati, avrebbero un effetto molto maggiore sugli equilibri di mercato rispetto alle sanzioni contro Iran e Venezuela degli anni precedenti, affermano gli analisti.

Eppure, anche senza sanzioni dirette, gli acquirenti hanno iniziato ad auto-autosanzionarsi, come affermano gli analisti.

Le raffinerie hanno iniziato a sostituire il greggio russo. Alcuni dei maggiori importatori statunitensi di greggio russo hanno iniziato a sospendere gli acquisti della merce, tra cui Monroe Energy, il terzo maggiore acquirente statunitense di petrolio russo.

La finlandese Neste ha dichiarato martedì: “A causa della situazione attuale e dell’incertezza del mercato, Neste ha per lo più sostituito il petrolio greggio russo con altri greggi, come il petrolio del Mare del Nord”. Neste si sta preparando “per varie opzioni in materia di approvvigionamento, produzione e logistica”.

Recentemente Shell ha accettato di acquistare un carico di petrolio russo, ma con enormi difficoltà e con l’autorizzazione del governo inglese. Diversi analisti ritengono che un prezzo del petrolio superiore a 125 dollari al barile manderebbe l’Occidente in recessione, e , francamente, i segni sono tutti presenti.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal