attualita' posted by

Strane convergenze: stampa mainstream e alternativa convergono su un argomento poco trattato, una pandemia prossima ventura. E’ realistico? Forse…

Da curioso osservatore, negli scorsi giorni mi sono trovato a verificare come, con un tempismo incredibile, sia la stampa mainstream che la stampa alternativa – con l’aggiunta di interventi personali di Bill Gates a supporto delle stesse tesi – abbiano mostrato una stranissima convergenza di vedute su un aspetto: una probabile pandemia prossima ventura. Come se le fake news in tale delicato ambito sanitario non ci fossero, sono tutti a dare la stessa visione. Strano, molto strano.

 

Nel mentre vediamo in questi giorni l’esplosione di una vera pandemia di ebola, in Congo, malattia che fino ad oggi è stata regolarmente contenuta all’interno dell’area centro africana. Or dunque, è davvero possibile che una pandemia esploda nei prossimi mesi? E di quale malattia si tratterebbe? Difficile a dirlo ma vale la pena fare alcune considerazioni.

La prima, è strana la convergenza di vedute tra mondo dell’informazione tradizionale e specializzata e la stampa alternativa sull’argomento, direi un caso unico di questi tempi. In secundis, certamente una siffatta pandemia avrebbe ragion d’essere quanto meno in ambito di assenza di nuovi antibiotici, effettivamente la resistenza di alcuni ceppi di batteri patogeni sta preoccupando gli addetti ai lavori. Il terzo punto è intrigante, ossia l’influenza del 2017/18 è stata una delle più virulente e mortali da decenni. Casualmente, inoltre, ha colpito soprattutto l’apparato respiratorio, proprio quello indicato come target della nuova pandemia da esperti e complottisti in questi giorni. Va anche detto che l’ultima influenza ha avuto anche sintomi molto particolari, strani se vogliamo, ad esempio sembra abbia causato ricorrenti fenomeni di infiammazioni multiple diffuse/sanguinamenti interni/versamenti ecc. (…), in ogni caso con gravi fenomeni di polmonite correlata.

Ma l’aspetto più incredibile, almeno egli States, è che al contrario del passato l’influenza di quest’anno si è diffusa contemporaneamente in tutto il Paese e non progressivamente da uno Stato all’altro, un comportamento mai visto, inspiegabile. Inoltre non è chiaro a nessuno perchè l’influenza 2017-18, a detta degli esperti, sia così pericolosa.

Alla faccia del morbillo che uccide 2-4 persone ogni 5 anni o giù di lì, l’influenza ne ammazza quasi 140 (e non è ancora finito il 2018…)

Secondo gli esperti, il virus coinvolto sembrerebbe essere collegato ad una mutazione del famoso virus dell’influenza suina ossia qualcosa che avevamo già visto in passato ma che fortunatamente non fu globalmente virale. Ca va sans dire che anche per influenza aviaria e suina del passato non si è stati in grado di determinare la genesi della repentina svolta evolutiva, che resta sconosciuta.

Ora, stante il fatto delle correlazioni informative sopra indicate, dell’effettiva pericolosità dell’influenza stagionale di quest’anno e delle attese di una prossima pandemia, c’è veramente da preoccuparsi?

La riposta purtroppo non esiste sebbene valga la pena fare un’ulteriore considerazione, che va un po’ oltre: cinicamente potremmo dire che effettivamente una pandemia oggi risolverebbe molte cose. Ad esempio giustificherebbe aggiustamenti nei mercati e negli scenari di guerra globali, potendo sdoganare comportamenti e soluzioni da parte di governanti altrimenti non accettabili. E’ infatti sotto gli occhi tutti come le tensioni si stiamo moltiplicando nel mondo. E che tali tensioni, visto che i politici devono comunque essere rieletti nell’arco di pochi anni, non possono essere risolte veramente con azioni “risolutive” se non eclatanti (…). Ad esempio, è inutile nascondere a noi stessi il fatto che negli USA sia in corso qualcosa di molto simile ad un colpo di Stato, a difesa degli interessi del deep state e dei sodali globalisti e contro il parvenu non allineato, Donald J. Trump, – opinione di chi scrive – troppo interessato a fare gli interessi spiccioli della popolazione in generale e non di caste politiche (ricordando che Trump NON è un politico – fattuale -). Come è innegabile che stia emergendo la prima vera e reale sfida globale agli USA da parte di Cina ed EU franco-tedesca. E senza dimenticare che tutte queste tensioni – come sempre – stanno mettendo facendo capolino nel luogo da decenni più strategico del mondo, il Medio Oriente padrone (o quasi) del petrolio. In ultimo va ricordato come la classe media, la spina dorsale del mondo occidentale, sta collassando sotto il peso di un accumulo di ricchezza in mano di pochissimi – per caso la stessa casta a cui appartiene Bill Gates – probabilmente mai visto nella storia umana moderna (con parallelo impoverimento del resto della popolazione votante, che dunque è sempre più incattivita e meno ottimista, in media).

Parimenti i mercati sono in bolla da anni, con picchi di valutazione sia sui bonds che sulle azioni da capogiro (the “everything bubble“), in aggiunta ad una chiara e lampante guerra valutaria che si traduce costantemente in manipolazioni di mercato anche da parte delle stesse banche centrali anche con interventi diretti sulle azioni, ossia permettendo ai detentori delle stesse di accumulare sempre più denaro e potere (esempio di manipolazione da manuale è l’oro, che non deve salire per evitare di spiegare alla gente che le valute tradizionali stampate a iosa da 10 anni a questa parte non valgono più niente o quasi). Se volete potete anche aggiungere che il corrente Papa, che per altro devo ammettere che mi fa dubitare di una grossa parte della dottrina cattolica insegnatami, è arrivato ad affermare – molto chiaramente – che la terza guerra mondiale è già in corso ma in forme diverse dal passato…

Forse in questo contesto l’avvento di una pandemia potrebbe anche essere una panacea, almeno per qualcuno, quanto meno per coloro che hanno creato questa immane situazione di caos socio-economico e geostrategico globale che sta portando ad avverarsi le tesi di Marx sulla fine del capitalismo.

Alla fine, forse qualcuno pensa, l’importante è che quando la grande normalizzazione avverrà – solo questione di tempo – la colpa non sia di nessuno….

MD


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog