attualita' posted by

MAZDA: NIENTE GROSSE BATTERIE. I veicoli elettrici inquinano più del diesel

Mazda presenta la sua prima auto elettrica, un crossover denominato MX 30, che potete vedere nella foto qui sotto:

Il pacco batterie della Mazda è, apparentemente, piccolo, solo 35,5 kw/h di carica, contro le oltre 50 dei suoi concorrenti, per cui l’autonomia appare piuttosto limitata, solo 200 km. Mazda ha spiegato questa limitazione come una scelta ben precisa: secondo la casa giapponese il CO2 emesso per caricare ed utilizzare una batteria da 95 Kw/h come quella delle Tesla, viene ad essere peggiore di un motore diesel. Questo è dovuto al peso della batteria , che viene ad incidere sui consumi di elettricità, ed al problema del riciclo delle batterie stesse a fine vita.

Le parole di Mazda hanno naturalmente attratto una marea di critiche. Molti hanno affermato che basarsi sulle emissioni di carbonio medie europee del 2016 sia sbagliato perchè si può anche produrre elettricità senza emissione di carbonio. Nello stesso tempo di può emettere elettricità dal carbone, per cui l’osservazione sembra peregrina.

Al di là del caso Mazda la questione è tutt’altro che peregrina. Il problema delle attuali batterie è il peso che viene a gravare sulle auto e più questa è pesante, più questa consuma ed è meno efficiente. Ad esempio l’ibrida Audi Q8 si vanta di essere un’auto green, ma pesa più di 2 tonnellate, peso che deve essere trascinato in giro. Una macchina che pesa 2100 kg consuma , energeticamente, una immensità in più rispetto ad un’auto che pesa una tonnellata. Questa è la grande contraddizione delle auto elettriche costruite con le tecnologie attuali. cioè il peso che viene trascinato rispetto alle autovetture a combustibile. Non significa che la soluzione elettrica non sia positiva, ma che, magari non  è ancora attuale.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal
comments powered by Disqus

Seguici:

RSS Feed