analisi e studi posted by

Le “LEVE DEL POTERE” lasceranno inascoltato il GRIDO DI DOLORE (non di rabbia) DELL’ITALIA DA NORD A SUD. Analisi nostrana a freddo dello scenario post voto.

Chiunque andrà a giurare sulla Costituzione dovrebbe garantire l’unità nazionale e rispettare la volontà popolare. Mi addolora la consapevolezza che cosi probabilmente non sarà grazie ai giochi delle tre carte dell’ultimo secondo.

Lo spettacolo del tentativo di spaccare l’Italia tra nordisti produttivi che votano la flat tax e sudisti fannulloni che votano provvedimenti assistenziali è inaccettabile, squallido e irrispettoso. Il voto a nord e al sud è un grido di dolore, che si è espresso con due intonazioni diverse, in base alle caratteristiche del territorio. Il Sud Italia versa in condizioni peggiori della Grecia, la situazione è drammatica, ed è colpa di tutti. Il Nord è stato deindustrializzato in maniera violenta. Quindi cerchiamo di avere un po’ di rispetto per tutti prima di tutto e non dividerci adesso.

 

Tornando agli scenari posto voto: le opzioni in campo al momento sono molte. Tra quelle meno eversive: 1 CDX trova i 56 seggi che gli mancano e i giochi si chiudono 2 M5S trova i 95 seggi che gli mancano e i giochi si chiudono. 3 nessuno trova alcunché e palla a Mattarella.

Il presidente affiderà l’incarico solo a chi una maggioranza la potrà garantire sul serio, niente stampelle barcollanti insomma. Le tenterà tutte pur di non tornare alle urne, questo ha lasciato intendere in diverse occasioni, basti pensare al discorso (minuto 1:49) di fine anno.

Lo scenario delle cosiddette larghe intese probabilmente non si verificherà, sarebbe un suicidio politico per chiunque la praticasse.

Quale opzione rimarrebbe? M5s +Lega. Avrebbero una maggioranza cosi solida da poter rivoltare il Paese come un calzino, se solo facessero sul serio. Ma l’ipotesi è estremamanete remota poichè dietro l’oltranzismo grillino si cela la volontà di non fare nulla che possa minimamente intaccare le dinamiche del sistema attuale. Non a caso i mercati, le istituzioni europee, Confindustria e Monti non temono affatto, anzi fanno pubblici salamelecchi al M5S. Non appena si nomina Salvini, invece, esplodono crisi fasciste, questioni meridionali, e minacce. 

I media si sono riposizionati immediatamente a favore dei 5stelle, parlano solo di Di Maio, delle sue opzioni di alleanza/intesa e del reddito di cittadinanza, ma nessuno prende minimanete in considerazione l’ipotesi di un governo di cdx.

Si preannuncia la più grande truffa elettorale della storia. Il voto antisistema, euroscettico ed anti austerità degli italiani, i quali hanno votato al 69% contro i partiti dichiaratamente europeisti verrà disattivato e verrà imposto l’ennesimo governo fantoccio etero diretto. Le leve del potere sono altrove, dice il Sen. Monti qui al minuto 25:20. Lo stesso Monti ha espresso il suo auspicio per un governo PD/5Stelle, il quale garantirebbe “riparo” dalle responsabilità politiche per l’attuazione di scelte impopolari ineluttabili. I commenti non servono.

La vera domanda è quindi: cosa intendiamo fare, quand’è che basta? Quanto siamo disposti ancora a sopportare la costante e ininterrota soppressione dei diritti sociali e democratici? Dobbiamo farcela questa domanda. La distruzione dei diritti sociali in cambio di un piattino di diritti civili è uno scambio accettabile?

Tutti sanno bene che l’ennesimo raggiro consegnerebbe l’Italia a Salvini col 70% al prossimo giro o direttamente al caos. Se noi ci stiamo facendo la domanda di cui sopra, “le leve del potere” si stanno chiedendo dal canto fino a che punto possono tirare la corda? La risposta è no. Sappiamo chi sono le “leve del potere”, il loro approccio ideologico alla realtà storico politica. La locomotiva d’Europa corre forte, dritta, contro un muro.

 

Sulpicia

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog