attualita' posted by

Le esportazioni dal Golfo del Messico USA è ai massimi. Qualcuno guadagna dal bando del petrolio russo

 

Le esportazioni di petrolio dalla Costa del Golfo degli Stati Uniti sono destinate a raggiungere il massimo storico di 3,3 milioni di barili al giorno (bpd) nel secondo trimestre del 2022, in quanto le interruzioni della capacità di raffinazione limitano la capacità degli operatori di soddisfare la domanda e il rilascio della Strategic Petroleum Reserve (SPR) da parte del governo statunitense aumenta l’offerta, secondo una ricerca di Rystad Energy. Oltre il 95% di tutte le esportazioni di greggio degli Stati Uniti transita attraverso i porti del Golfo di Corpus Christi, Houston, Beaumont, Port Arthur e della Louisiana. L‘amministrazione Biden sta esplorando modi per contenere i prezzi della benzina per i consumatori statunitensi e starebbe valutando un divieto totale o parziale delle esportazioni di greggio, ma molti leader del settore e politici sostengono che una tale mossa non ridurrebbe necessariamente i prezzi e danneggerebbe gli alleati chiave.

Il sostegno senza precedenti del governo al sistema del greggio nazionale ha accelerato l’offerta degli Stati Uniti, i cui livelli dovrebbero raggiungere i 13 milioni di bpd quest’estate per la prima volta dal novembre 2019. Ma la conseguenza non voluta dell’intervento federale è che più barili che mai vengono venduti ad acquirenti internazionali.

Si prevede che le esportazioni di greggio attraverso i porti della Costa del Golfo superino i 3,3 milioni di bpd nel secondo trimestre di quest’anno, superando il precedente record di 3,2 milioni di bpd nel primo trimestre 2020, prima che la pandemia di Covid-19 si abbattesse sui mercati globali. Il porto di Corpus Christi è un importante motore della crescita, con un aumento di oltre 150.000 bpd per raggiungere 1,86 milioni di bpd, rispetto agli 1,7 milioni del primo trimestre del 2022, superando di gran lunga i livelli pre-Covid. Anche le esportazioni del porto di Houston sono aumentate dal terzo trimestre dello scorso anno, ma sono ancora inferiori ai livelli pre-pandemia. Quindi si riprenderebbe una tendenza già presente nell’economia USA, di essere un esportatore di petrolio, con l’Europa che è un cliente interessato.

“La capacità di raffinazione nazionale negli Stati Uniti rimane depressa rispetto ai livelli pre-Covida, quindi non sorprende che l’intervento del governo per sostenere le forniture di greggio abbia portato a un aumento delle esportazioni di barili leggeri di produzione nazionale. Ciò significa che gli Stati Uniti sono in grado di sostenere i mercati globali nella crisi energetica più impegnativa degli ultimi 30 anni”, afferma Artem Abramov, responsabile della ricerca sullo shale di Rystad Energy.

Le esportazioni di petrolio del Golfo degli Stati Uniti sono rimaste relativamente resistenti durante la crisi indotta da Covid, oscillando generalmente tra i 2,7 e i 3,1 milioni di bpd. Il nuovo trend di crescita è stato stabilito alla fine del 2021, in seguito alla ripresa dell’offerta interna e al sostegno dato al consumo interno da un moderato rilascio di SPR.

Il futuro è roseo per le esportazioni della Costa del Golfo, con i volumi che transitano attraverso gli hub di Corpus Christi, Houston e Beaumont, Port Arthur e Louisiana che dovrebbero accelerare nei prossimi anni. Secondo lo scenario di base di Rystad Energy, le esportazioni di greggio si avvicineranno a 4 milioni di bpd nei primi tre mesi del 2023 e supereranno la barriera dei 4 milioni di bpd entro il secondo trimestre del 2023, grazie ai forti prelievi dalla SPR e alle rosee prospettive dell’offerta interna.

Bisogna però dire che, allo stato attuale, non è da considerare possibile un’ulteriore forte espansione delle esportazioni dal golfo del Messico, sia per il rallentamento del produzione dai bacini del Permiano molto sfruttati, sia per problemi logistici non facilmente risolvibili.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal