attualita' posted by

La ripresa dell’indebitamento tra Nord e Sud Europa. I saldi target 2.

cerino

“Battaglia tra Renzi e Juncker sulla flessibilità che ci sarebbe in Italia, ma una cosa è certa, seppur minima,  appena si alleggerisce, la morsa dell’austerità in Europa, in questo caso nel nostro Paese, subito riparte l’indebitamento nazionale da parte del principale Paese creditore ed esportatore d’Europa, tramite i pagamenti interbancari. La Germania, che per il suo tessuto industriale, l’euro gli risulta una moneta svalutata e commerciando con il resto dell’eurozona principalmente, ha di fatto bloccato la rivalutazione di una sua ipotetica valuta nazionale, accumulando surplus commerciali superiori a quelli cinesi, di oltre il 7% del suo pil. Cosa citata la settimana scorsa da Zingales.

Ricollegandosi alla ripresa della forbice debitoria del target 2, complice di tutto ciò è proprio la moneta unica, che è di fatto debitogena e creditogena perchè tra le due parti in causa prima citate, NON sussiste il rischio cambio, ossia svalutazione del capitale prestato.Ovviamente parliamo in linea di principio di finanziamento delle esportazioni da parte della Germania essenzialmente, verso i Paesi del sud Europa importatori, che con l’euro hanno perso competitività nel loro export (Italia, Spagna e Grecia).

Catturadfgdfghdsfgsd Cattura tagets
Dai grafici si può notare che il massimo divario credito-debito tra Nord e Sud si è verificato tra il 2011 e 2012 quando le bilance pagamenti italiane, spagnole e greche erano al massimo del negativo, l’assenza delle riforme lacrime e sangue faceva si che le importazioni di merci e capitali volavano e nello stesso tempo si esportava sempre di meno perchè i lavoratori ancora non erano stati resi ben “flessibili”, funzionale a tutto ciò è l’assenza di una moneta nazionale e flessibile.
In questa situazione, di totale squilibrio dei conti tra Nord e Sud, tra il 2011 e 2012 vengono sostituiti i governi legittimamente eletti di Spagna, Grecia e Italia affinchè con le “riforme” non si fosse attenuato i gap nei saldi target 2. E infatti l’ex Premier Monti, in una intervista ammise che grazie alle riforme strutturali, l’Italia stava conquistando una migliore posizione nella competitività grazie alla distruzione della domanda interna attraverso il consolidamento fiscale…

Quindi come si possono riequilibrare i deficit  di surplus della bilancia pagamenti tra Germania e Italia perchè non vi siano enormi gap debito-credito anche a livello europeo?
1) O la Germania acquista prodotti italiani e diventa meno competitiva (ma non se ne parla proprio) oppure
2) L’Italia deve aumentare le sue esportazioni e limitare le importazioni
a: Con le riforme sul lavoro per essere piu’ competitiva, quindi taglio salari, pensioni e licenziamenti facili. Non a caso la deflazione, effetto della disoccupazione risulta funzionale al punto numero 2.
b: Con più austerità per comprimere la domanda e quindi i consumi che parte di questi sono importazioni. Ecco perchè impongono la rigidità dei bilanci anche nelle fasi recessive, il problema principale nell’eurozona per il suo sostentamento, non sono la ripresa dei consumi e dell’occupazione, bensì l’equilibrio di competitività e quello del debito-credito.

In sostanza la sopravvivenza dell’eurozona necessita un equilibrio del terrore, anzi della povertà…

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog