attualita' posted by

LA PROCEDURA DI INFRAZIONE: PLASTICA DIMOSTRAZIONE DELL’INSENSATEZZA DELLE NORME UE

Non so se siano più risibili le regole europee, i personaggi che vengono a farci la predica, oppure gli pseudo politici e/o giornalisti italiani che ne fanno da megafono.
Secondo Moscovici bisognerebbe aumentare l’avanzo primario. Il consigliere circoscrizionale Dombrovskis afferma che ci vuole una manovra per almeno 3-4 miliardi subito per evitare la procedura di infrazione. Sull’insieme delle entrate si tratta di cifre ridicole, inferiori allo 0,5%, ma, casualmente o meno, corrispondono al valore di quanto investito il Quota 100.

Perchè alla fine è proprio questo il cuore del problema: la finalità di questa procedura d’infrazione è quella di umiliare il Governo, Salvini il primis, e quindi di far capire agli italiani che non contano nulla, che la democrazia è una sorta di finzione che può decidere, al massimo, dei diritti estetici, secondari e fondamentalmente inutili, mentre “”Gli adulti discutono”, per parafrasare un’espressione di Varoufakis, gli stessi a cui hanno puntato i leader dei governi tecnici e del PD dal 2011 al 2018. Come sottolineava  De Gaulle lui decideva se fare la Metro a Parigi, i parigini al massimo decidevano il colore dei vagoni.

Le richieste e le minacce della Commissione, che saranno sicuramente confermate dall’Ecofin a Luglio sono economicamente assurde in quanto:

a) il debito è superiore ai limiti dal 1992 ed ha cessato di decrescere dall’euro;

b) una multa sul debito fa aumentare il debito, come punire un marciatore lento mettendogli dei sassi nelle scarpe per farlo andare più veloce;

c) storicamente un maggior surplus primario è collegato ad un maggior debito come si può vedere in questa tabella che mette in correlazione surplus primario, debito e crescita

Lo studio storico dei dati indica come vi sia una correlazione positiva fra surplus primario e debito (cioè più surplus primario genera più debito, perchè il surplus primario senza crescita viene ad essere generato deprimendo l’economia). La ricetta Europea ci manda in depressione e fa esplodere il debito PIL, come è avvenuto durante il governo Monti e Letta, quando l’obbedienza alle regole europee portò all’esplosione del debito dal 115 al 131% del PIL.

 

La ricetta della Commissione, e dei suoi servetti italiani, vuole:

a) più tasse , con l’aumento IVA;

b) magari pure la patrimoniale;

c) niente quota 100;

d) niente reddito di cittadinanza;

e) il prospettiva il default del debito.

Questa è la ricetta europea, quella che cercano, e cercheranno, di imporre con le sanzioni all’Italia. Voi cosa volete?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi