attualita' posted by

La dipendenza dal gas dagli USA è migliore di quella dalla Russia? Non proprio…

 

Il disperato tentativo dell’Europa di liberarsi del gas russo è diventato ancora più urgente questa settimana, quando Mosca ha annunciato che i flussi attraverso il Nord Stream 1 verso la Germania saranno interrotti fino a quando l’Occidente non avrà revocato le sanzioni. Questa disperazione ha fatto sì che l’Europa abbia soppiantato l’Asia come destinazione principale del LNG statunitense. In effetti, l’Europa riceve ora il 65% delle esportazioni totali di LNG degli Stati Uniti. Ma si teme sempre più che scambiare una dipendenza con un’altra comporti un altro tipo di rischio. Puntare tutto sul LNG statunitense significa affidarsi a Madre Natura. Le forniture di GNL degli Stati Uniti potrebbero non essere vulnerabili alla politica di Putin, ma sono vulnerabili alle condizioni meteorologiche estreme e alle stagioni di uragani che interrompono la produzione e le esportazioni. L’Europa non può permettersi altre interruzioni.

La maggior parte degli impianti di esportazione di LNG negli Stati Uniti, comprese quelli futuri, si trova lungo la costa del Golfo e gran parte del gas che alimenta questi impianti proviene dalle vicine riserve interne, dal Nuovo Messico e dal Texas alla Louisiana e oltre. Si tratta di una regione soggetta a uragani, il che significa che quando gli uragani si abbattono su di essa, tutto, dalla liquefazione alla spedizione, dall’estrazione alla lavorazione, è a rischio di interruzione.

Negli ultimi anni, diversi uragani hanno provocato vari gradi di interruzione del mercato del gas liquido, con impatti che si estendono a tutta la catena di approvvigionamento, da brevi interruzioni a lunghe interruzioni della lavorazione e della spedizione. Nel 2020, l’uragano Laura ha causato un’interruzione di due settimane per l’impianto di esportazione di Sabine Pass LNG e di oltre un mese per Cameron LNG. L’anno scorso, l’uragano Ida ha provocato un’importante e prolungata interruzione della produzione di gas offshore. Quest’anno, un’esplosione a giugno presso l’impianto texano di Freeport LNG ha messo fuori uso quasi il 20% della capacità di esportazione di LNG degli Stati Uniti, mandando in tilt i mercati del GNL.

Gli scienziati affermano che gli uragani della costa del Golfo stanno diventando sempre più gravi, causando inondazioni complessive da record e mettendo a rischio le infrastrutture critiche. Nel frattempo, mentre gli Stati Uniti hanno in cantiere la più grande serie di nuovi progetti di LNG al mondo, ci sono anche dei limiti alla portata di questi progetti senza una maggiore capacità di gasdotti per accogliere questo segmento energetico in forte espansione.

Nel bacino degli Appalachi, la più grande regione produttrice di gas del Paese che produce più di 35 Bcf/d, i gruppi ambientalisti hanno ripetutamente bloccato o rallentato i progetti di gasdotti e limitato l’ulteriore crescita nel Nord-Est. Ciò lascia che siano il bacino di Permian e lo scisto di Haynesville a farsi carico di gran parte della crescita prevista per le esportazioni di GNL. In effetti, l’amministratore delegato della EQT Corp Toby Rice ha recentemente riconosciuto che la capacità dei gasdotti degli Appalachi ha “raggiunto un limite”.

Tra l’altro l’Europa pretende che il gas USA sia estratto con le stesse tecniche di fracking che sono vietate in diversi paesi della UE, Francia e Germania in testa. Un’ipocrisia incredibile che, con il tempo, alimenterà l’0pposizione alle esportazioni dagli USA, sia per motivi ecologici sia economici, per la ricaduta sul prezzo del gas interno.

Avere un fornitore esterno dominante è sempre un grande pericolo, ma in Europa sono tutti troppo intelligenti per capirlo.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal