attualita' posted by

La causa della crisi energetica? Gli investimenti irrazionali fatti negli scorsi anni, per una transizione sbagliata

 

Anni di investimenti insufficienti nella produzione di petrolio e gas sono la causa principale dell’attuale crisi energetica e, quando l’economia globale si riprenderà dall’attuale rallentamento, la poca capacità di produzione di petrolio rimasta sarà spazzata via, ha dichiarato martedì l’amministratore delegato di Saudi Aramco, Amin Nasser.

“Molti di noi insistono da anni sul fatto che se gli investimenti nel petrolio e nel gas continuassero a diminuire, la crescita dell’offerta globale sarebbe in ritardo rispetto alla domanda, con ripercussioni sui mercati, sull’economia globale e sulla vita delle persone”, ha dichiarato oggi l’amministratore delegato della più grande compagnia petrolifera del mondo e del principale esportatore di petrolio in occasione dello Schlumberger Digital Forum 2022 in Svizzera.

Gli investimenti in petrolio e gas si sono più che dimezzati tra il 2014 e il 2021, ha dichiarato Nasser, aggiungendo che “gli aumenti di quest’anno sono troppo pochi, troppo tardivi, troppo a breve termine”. Nel 2014, gli investimenti annuali in petrolio e gas erano pari a 700 miliardi di dollari, scesi a poco più di 300 miliardi lo scorso anno, ha dichiarato il massimo dirigente di Aramco.

“Queste sono le vere cause di questo stato di insicurezza energetica: investimenti insufficienti in petrolio e gas, alternative non pronte e nessun piano di riserva. Ma non si direbbe dalla risposta data finora”, ha aggiunto, ribadendo un’opinione da tempo sostenuta dall’Arabia Saudita, secondo cui i mancati investimenti degli anni precedenti torneranno a colpire l’approvvigionamento energetico.

“Anche in presenza di forti venti contrari all’economia, la domanda globale di petrolio è ancora abbastanza sana”, ha detto Nasser.

“Ma quando l’economia globale si riprenderà, potremo aspettarci un ulteriore rimbalzo della domanda, eliminando la poca capacità produttiva di riserva. E quando il mondo si accorgerà di questi punti ciechi, potrebbe essere troppo tardi per cambiare rotta”, ha aggiunto.

“Ecco perché sono seriamente preoccupato”.

Saudi Aramco ha chiesto ancora una volta maggiori investimenti nel settore del petrolio e del gas, in particolare per lo sviluppo delle capacità. “E almeno questa crisi ha finalmente convinto la gente che abbiamo bisogno di un piano di transizione energetica più credibile”, ha aggiunto l’amministratore delegato di Aramco.

L’Arabia Saudita ha in programma di aumentare la propria capacità produttiva a 13 milioni di barili al giorno (bpd) entro il 2027, dagli attuali 12 milioni circa, ma non molto oltre. Il Regno è uno dei due principali produttori di petrolio che si ritiene disponga di una capacità di riserva aggiuntiva. L’altro produttore è il collega membro dell’OPEC, gli Emirati Arabi Uniti (EAU).

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal