attualita' posted by

La Borsa Metalli di Londra citata in giudizio dai trader per il caos nel Nichel

Due società di trading hanno citato in giudizio la borsa metalli di Londra, LME,  per 500 milioni di dollari per la decisione di cancellare gli scambi in seguito alla stretta sul nichel di marzo. Il giorno otto marzo, nel mezzo di scambi caotici, il prezzo del Nichel si era raddoppiato in un giorno, raggiungendo i 100 mila dollari alla tonnellata. Il LME era entrato in azione e aveva cancellato gli scambi riportandoli al valore del giorno prima, annullando utili e perdite dei trader. Qualcuno ovviamente ci ha perso e ora vuole essere rimborsato.
Alcuni ritengono probabile un allontanamento dei trader di nickel dall’LME a seguito del caos e del successivo approccio controverso della borsa.
I prezzi del nichel sembravano aver toccato il fondo a metà maggio, ma la tendenza rimane al ribasso. Inoltre, la recente azione dei prezzi ha mostrato pochi segni di strutture rialziste su scala settimanale. Nel complesso, l’Indice mensile dei metalli inossidabili (MMI) è sceso del 9,4% da maggio a giugno.

La LME deve affrontare cause legali per quasi 500 milioni di dollari

La crisi del nichel è tornata alla ribalta questa settimana. Due gruppi finanziari hanno citato in giudizio l’LME per la sua decisione di cancellare gli scambi in seguito alla stretta sugli scambi sul nickel dell’8 marzo. La società di trading Jane Street Group LLC e il gestore di hedge fund Elliot Management Corp. hanno intentato rispettivamente una causa da 15,3 e 456 milioni di dollari contro la borsa per la gestione della crisi.

Il proprietario dell’LME, Hong Kong Exchanges & Clearing Ltd., ha riconosciuto le cause in un comunicato. Si legge: “La direzione dell’LME ritiene che la richiesta di risarcimento sia priva di fondamento e che l’LME la contesterà con forza”. Jane Street, tuttavia, ha definito la decisione dell’LME “illegale” e “arbitraria”. Ha poi aggiunto che “mina gravemente l’integrità dei mercati e crea un pericoloso precedente che mette in discussione i contratti futuri”.

Le azioni legali fanno seguito a una revisione in corso delle azioni dell’LME da parte delle principali autorità di regolamentazione dell’LME, la Financial Conduct Authority e la Banca d’Inghilterra. Dopo l’annuncio dell’inizio di aprile, a queste verifiche si aggiunge l’indagine indipendente dell’LME.

Mentre le cause legali hanno nuovamente portato l’attenzione sulla crisi dei prezzi del nichel, le conseguenze effettive sono ancora in corso. Alcuni ritengono probabile un allontanamento dei commercianti di nichel dall’LME a seguito del caos e del successivo approccio controverso della borsa. Tuttavia, le ramificazioni della crisi rimangono evidenti in tutto il mondo.

Sia l’LME che l’SHFE, la borsa metalli di Shanghai,  continuano a fare i conti con la scarsa liquidità. I volumi di scambio sull’LME sono crollati alla ripresa delle contrattazioni di nickel a marzo. Nel frattempo, l’open interest continua a diminuire. Sebbene l’SHFE non abbia subito la stessa sospensione all’inizio di marzo, ha registrato un forte calo dei volumi di scambio durante quella settimana, mentre l’open interest è crollato. Sia i volumi che l’open interest rimangono tuttora limitati.

Mentre il ritiro dal mercato del nichel è stato uno sforzo globale, gli altri metalli sono rimasti in gran parte inalterati. Secondo il maggiore produttore mondiale di nichel di alta qualità, la domanda di nichel rimarrà in crescita, ma rallenterà dal +17% del 2021 al +11% del 2022. Nornickel prevede inoltre che l’inflazione globale e l’incertezza macroeconomica saranno responsabili di gran parte del rallentamento. Le precedenti previsioni del produttore per un’eccedenza approssimativa di 40.000 tonnellate (che dovrebbe aumentare a 100.000 tonnellate nel 2023) di nichel di bassa qualità rimangono invariate.

 

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal