attualita' posted by

Il 73% degli americani è già immune a Omicron. Che senso hanno le restrizioni?

il CDC ha annunciato la fine degli obblighi delle mascherine dalla prossima settimana mentre l’amministrazione Biden sta cercando di convincere gli americani a tornare alla normalità, anche per non giocarsi quel minimo di supporto rimasto.

Nell’ambito di questa campagna di normalizzazione l‘Associated Press ha reso pubblica la notizia per cui il 73% degli americani sarebbe già, in realtà, immune alla variante omicron.

Con il calo dei ricoveri e dei nuovi casi, molti ospedali e il loro personale si stanno finalmente prendendo una pausa dall’incessante agitazione dell’onda omicron, anche se il numero medio di decessi al giorno rimane ostinatamente alto.

Un professore di “Statistiche sanitarie” citato dall’AP ha affermato che il modello ha contribuito a rassicurarli sul fatto che l’umanità – o almeno gli Stati Uniti – hanno svoltato l’angolo.

“Siamo cambiati”, ha affermato Ali Mokdad, professore di scienze della metrica della salute presso l’Università di Washington a Seattle. “Siamo stati esposti a questo virus e sappiamo come affrontarlo”.

Il fatto è che, come ha sottolineato l’AP, SARS-CoV-2 non è più “romanzo”: “Due anni fa è arrivato in una nazione in cui nessuno l’aveva visto prima. L’intera popolazione – 330 milioni di persone – era immunologicamente impreparato, cioè suscettibile di infezione”.

Se gli Stati Uniti sperimentano un’altra “ondata estiva”, dovrebbe essere molto meno mortale della precedente.

Ma il coronavirus non è più una novità. Due anni fa è arrivato in una nazione dove il sistema immunitario di nessuno l’aveva mai visto prima. L’intera popolazione – 330 milioni di persone – era immunologicamente ingenua, cioè suscettibile alle infezioni.

“Sono ottimista anche se avremo un’impennata in estate, i casi aumenteranno, ma no i ricoveri e i decessi”, ha affermato Mokdad, che lavora sul modello dell’Institute for Health Metrics and Evaluation, che ha calcolato la cifra del 73% per The Associated Stampa.

Ciò che non è chiaro è quanto di questo 73% rappresenti l’immunità naturale causata dalle infezioni. Entro la fine dell’ondata di omicron, i ricercatori della Johns Hopkins prevedono che 3/4 di tutti gli americani saranno stati infettati dalla variante, indipendentemente dal loro stato di vaccinazione. Naturalmente, insinuare che queste infezioni “naturali” hanno avuto un forte impatto sull’immunità della popolazione sarebbe una grave violazione della “scienza”.

Gli scienziati della Bloomberg School of Public Health della Johns Hopkins University stimano che circa tre persone su quattro negli Stati Uniti saranno state infettate da omicron entro la fine dell’impennata.

“Sappiamo che è un’enorme percentuale della popolazione”, ha affermato Shaun Truelove, epidemiologo e modellatore di malattie presso la Johns Hopkins. “Questo varia molto in base alla località e in alcune aree prevediamo che il numero di contagiati sia più vicino a uno su due”.

Ciò significa che diverse regioni o gruppi di persone hanno diversi livelli di protezione e rischi. In Virginia, i modellisti delle malattie pensano alla loro popolazione in termini di gruppi con diversi livelli di immunità.

Andando avanti, molto dipenderà da come il virus si evolverà e si evolverà, e come saranno le varianti future. Ma una cosa è certa: l’umanità è molto più protetta ora rispetto a due anni fa.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal