attualita' posted by

IDROSSICLOROCHINA: IL CONSIGLIO DI STATO LO RENDE PRESCRIVIBILE.

 

Alla fine la medicina vera, quella dei medici di base ha vinto, anche se non in modo totale. Il Consiglio di Stato ha dato ragione ad un gruppo di dottori di Medicina generale che avevano fatto ricorso contro l’AIFA che aveva escluso la possibilità di prescrivere ilfarmaco se non strettaente per le indicazioni contenute nel bugiardino. Ora il Consiglio di Stato, con la sentenza 7097/202, ha dato libertà ai medici di prescriverlo anche in altre casistiche. Il fatto è che, come messo in luce più volte da più fonti, la letteratura scientifica sul tema NON è univoca, e , soprattutto, esistono numerosi casi pratici, raccolti da decine di medici generici o da specializzati che hanno scelto di seguire i malati a casa, che mostrano come  siano evidenti effetti gli effetti positivi nelle prime fasi della malattia.

L’idrossiclorichina è stata contestata da uno tudio di Lancet a maggio, e sulla base di questo dato alcuni paesi, fra cui l’Italia con l’AIFA, ne hanno interrotto l’uso sperimentale . Lo studio è stato poi ritirato, ma non il divieto di prescrizione. Ora la palla torna nelle mani dei medici, ma con una amara sopresa: il medicinale NON è coperto dal Servizio Sanitario nazionale!. Per carità, non è una grande spesa e non sarà questo elemento a fermarne l’utilizzo, ma è significativo come, dopo aver speso milioni di parole , da parte del governo, sulla salvaguardia della salute , sulla riforma del servizio sanitario, sui “Miliardi” da investire in attrezzature, consapevolmente prima metta i bastoni fra le ruote a chi vuole veramente guarire i malati e poi, in modo un po’ straccionesco, non paghi 20 euro di medicine a chi le prescrive per questa malattia, potenzialmente mortale, evitando che un po’ di pazienti vadano in ospedale o terapia intensiva ? Suvvia….

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal