attualita' posted by

I Paesi Bassi rinunciano ad Astra Zeneca, mentre Regno Unito ed Australia lo continuano ad usare, nonostante tutto

I Paesi Bassi ieri sono diventati l’ultima nazione sviluppata ad interrompere la somministrazione del vaccino Astra Zeneca. Inizialmente, il governo olandese (dove il premier Mark Rutte sta affrontando un peggioramento della crisi politica) ha pianificato di limitare le vaccinazioni alle persone di età inferiore ai 60 anni, come successo in Germania,  ma poi hanno deciso di sospendere semplicemente le vaccinazioni per evitare il potenziale spreco di preziosi vaccini.

Il ministro della Salute olandese Hugo de Jonge ha affermato che l’interruzione temporanea è “una misura precauzionale”, facendo eco al linguaggio usato praticamente da ogni leader europeo che ha limitato l’accesso al jab di AstraZeneca-

Si prevede che più nazioni europee sospenderanno il vaccino AstraZeneca, molti per la seconda volta, a seguito delle ultime rivelazioni dal Regno Unito, che sono servite solo a erodere ulteriormente la fiducia nell’EMA / OMS e la loro insistenza sul fatto che i rischi del vaccino sono minuscoli rispetto con il vasto vantaggio sociale.

Fra tante rinunce l’Australia ha dichiarato sabato che continuerà la sua inoculazione programma con il jab AZ.. La decisione segue un caso molto pubblicizzato in cui un uomo di 44 anni è stato ricoverato in un ospedale di Melbourne con una coagulazione sospetta come quella vista altrove, affetta da grave trombosi, una condizione che impedisce il normale flusso sanguigno attraverso il sistema circolatorio.

Dopo essersi incontrati frettolosamente venerdì e sabato, la Therapeutics Goods Administration (TGA il principale regolatore australiano dei farmaci) ha stabilito che il programma continuerà senza modifiche, secondo Reuters. Almeno per ora.

Mentre il vice direttore medico australiano, Michael Kidd, ha dichiarato sabato pomeriggio in una trasmissione televisivo che “Non siamo stati consigliati in questo momento da ATAGI o dal TGA di sospendere il lancio del vaccino AstraZeneva in Australia”, ha contemporaneamente riconosciuto che l’incidente di coagulazione era “probabilmente” correlato all’iniezione di AstraZeneca, “anche se i funzionari nel Regno Unito continuano a insistere sul fatto che non ci sono prove di un collegamento”.

Nel frattempo ieri le autorità di regolamentazione nel Regno Unito hanno riconosciuto, con riluttanza,  25 nuovi casi di rari coaguli di sangue legati al vaccino AstraZeneca. Molte di queste  persone sono morte a causa delle complicazioni.

Dopotutto, un’enorme quota di britannici che sono stati inoculati finora è stata inoculata con il vaccino AstraZeneca, che è stato approvato per l’uso di emergenza nel Regno Unito alla fine dell’anno scorso, sebbene le autorità di regolamentazione negli Stati Uniti stiano solo ora iniziando il processo di valutazione della sua efficacia. in base ai dati dello studio e ai suoi rischi.

Ancora oggi i regolatore britannico dei vaccini, lo MHRA, considera sicuri i vaccini Astra Zeneca, nonostante l’ammissione finale che i vi siano 7 casi mortali per gli effetti collaterali dell’iniezione.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal