attualita' posted by

I discorsi inutili dei chiacchieroni a Capodanno di Massimiliano Lenzi.

Chiacchiere e distintivi. Servirebbe un vigile urbano assai sveglio per regolare il traffico dei discorsi di fine anno agli italiani, quelli che cominciano tutti con un care e cari cittadini….

Sì perché allo scadere di questo 2018, il 31 dicembre – giorno di San Silvestro – la zona Cesarini del parlare alla Nazione è diventata unabitudine distintiva. Intendiamoci, nessuna iconoclastia nel nostro ragionamento perché il Discorso a reti televisive unificate del Presidente della Repubblica, una consuetudine che va avanti dai tempi di Luigi Einaudi, è ineluttabile, come il 1 gennaio dopo il 31 dicembre (anche se i tempi ed i modi del comunicare e dello stare insieme della nostra comunità nazionale son parecchio cambiati da Einaudi a Sergio Mattarella).

Il fatto è che questanno, oltre al Capo dello Stato, parleranno in molti per questo finalino. Il leader della Lega e Ministro dellInterno Matteo Salvini, la coppia grillina Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, forse Beppe Grillo, il primo che venti anni fa, il 31 dicembre del 1998, con il suo discorso allumanità trasmesso su Tele+ segnò di fatto la fine della liturgia unica del discorso del Capo dello Stato: Ah lEuropa, questo paradiso. Siamo tutti uguali: un disoccupato di Teramo va a Bonn e fa il disoccupato a Bonn. È bellissimo. E poi chissà, magari dirà qualcosa pure Matteo Renzi (lui daccordo, ma speriamo non lo facciano i candidati del Pd – troppi – alle primarie, altrimenti si arriva al 2 gennaio, altro che discorso di fine anno!) e chi più ne ha più ne metta. Un ingorgo di parole difficile da sbrogliare. E pure vetusto.

Perché nellera dei social che hanno sorpassato per facilità di accesso e capillarità il mantra del discorrere a reti unificatei politici, di potere e non, di lotta e di governo, vitaliziati e non, possono chiacchierare in ogni minuto, in ogni ora del giorno, del mese, dellanno che vogliono, con gli italiani (anzi, con il mondo intero), senza bisogno del format solenne dellultimo giorno. Questo per ciò che concerne la facilità del mezzo e senza contare (assai più importante) la parte dei contenuti. Perché se è vero (e lo è) che il medium è il messaggio, allora non c’è nulla di più goffo, nellera del web, della burocrazia della forma come è appunto il discorrere agli italiani. Anche per questo domani, 31 dicembre dellanno 2018, il primo dellera grillo-leghista (in realtà sono sei mesi) sarà tutto un inseguirsi di chiacchiere e distintivi. Già ne annusiamo la noia, e lo scriviamo con affetto. Per salvarsi da questa discorsite che ha colpito la nostra politica non resta che della sana cattiveria. Andarsi magari a rivedere, prima di addentare un capretto (i carnivori) piuttosto che una bietola (i vegani), il discorso al Popolo di un frate (interpretato da uno straordinario Alberto Sordi) nel film di Luigi Magni, Nellanno del Signore: Popolo, ma che te sei messo in testa? Ma che vuoi? Vuoi comannate? E chi sei? Sei Papa? Sei cardinale? O sei Barone? Ma se non sei manco Barone, chi sei? Sei tutti laltri. E tutti laltri chi so? Rispondi. Rispondi a me, invece di assaltali castelli. Soli avanzi de li Papi, de li cardinali, de li baroni. E lavanzi che so? Monnezza. Popolo sei na monnezza. Quando si dice la sincerità del discorso.

Ah, questo benedetto popolo, senza chiacchiere e senza distintivi che, davanti a tanto affabulare dei politici, fa venire nostalgia per i proverbi delle nonne duna volta: Bimbo rammentalo sempre, il silenzio è doro.

Massimiliano Lenzi, Il Tempo, 30.12.2018


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog