attualita' posted by

Gazprom ha inviato il 41% di gas in meno in Europa, ma ha prodotto 1% in più. Ci facciamo soffocare allegramente

 

Le esportazioni di gas naturale di Gazprom verso paesi al di fuori dell’ex Unione Sovietica sono crollate del 41,3% anno su anno nel gennaio 2022, ha affermato martedì il gigante russo dell’energia, mentre ha anche registrato un aumento annuale dell’1% della sua produzione di gas. Quindi più gas, ma che si sono tenuti loro…

Tra l’altro la società non nasconde il fatto di aver volontariamente ridotto le forniture per mandare in crisi i clienti dell’Europa occidentale: “Le consegne di gas della Società vengono effettuate come richiesto dai consumatori nel pieno rispetto degli obblighi contrattuali”, ma implicitamente confermando che le quantità “Spot” ulteriori non sono state inviate.

Secondo Gazprom, che cita i dati di Gas Infrastructure Europe, le scorte di gas in esercizio negli impianti di stoccaggio sotterranei del gas in Europa erano in ritardo rispetto al livello dell’anno scorso del 27,2% al 30 gennaio. Ben l’81% del gas iniettato durante il periodo estivo è già ritirato dalle strutture, ha affermato Gazprom, aggiungendo che “l’importo totale delle scorte di gas funzionante negli impianti europei UGS era di soli 38,1 miliardi di metri cubi il 30 gennaio, scendendo di 2,7 miliardi di metri cubi al di sotto del minimo storico per questa data”. Questo conferma quanto abbiamo scritto l’altro ieri sulla scarsità delle riserve europee.

Nonostante la produzione record di gas naturale, la Russia non ha inviato molto al di sopra dei suoi obblighi contrattuali in Europa questa stagione invernale. Questo, combinato con i bassi livelli di stoccaggio nei siti europei, ha provocato una crisi del gas naturale in Europa e prezzi record che hanno fatto salire i prezzi dell’energia e gravato su molte attività ad alta intensità energetica in Europa. Attualmente, anche se in ribasso i prezzi del gas future in Europa sono a 76 Euro per Megawatt ora, tre volte superiore al valore ante crisi.

Nel quarto trimestre del 2021, le esportazioni di gasdotti russi sono diminuite di quasi il 25% annuo a causa dei minori flussi di transito attraverso la Bielorussia e l’Ucraina e le ridotte consegne in Turchia, ha affermato lunedì l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) nel suo rapporto trimestrale sul mercato del gas.

Le scarse consegne di gas naturale dalla Russia sembrano aver inasprito artificialmente il mercato europeo del gas, ha affermato all’inizio di questo mese il direttore esecutivo dell’AIE Fatih Birol, aggiungendo che i sistemi energetici “affrontano rischi significativi” facendo troppo affidamento su un fornitore per una fonte di energia chiave.

La crisi Russia-Ucraina è un’altra preoccupazione per gli analisti del mercato del gas e delle materie prime. Un’azione militare potrebbe interrompere l’approvvigionamento russo in Europa, mentre gli Stati Uniti potrebbero eliminare il gasdotto Nord Stream 2, ancora in attesa di diventare operativo, se la Russia invadesse l’Ucraina.

L’Europa a guida tedesca si è legata mani e piedi alla Russia sulle forniture energetiche, il tutto seguendo la politica energetica tedesca. Quindi ha rinunciato alla propria autonomia politica e si è consegnata a Putin. Una mossa geniale.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal