attualita' posted by

Gas Naturale: gli invii dalla Russia non sono aumentati, nonostante le promesse

Cattive notizie dal punto di vista del Gas Naturale, in una situazione già molto tesa per l’aumento dei prezzi del mese di ottobre. La Russia, secondo Oilprice,  non ha aumentato oggettivamente la fornitura di gas naturale  verso l’Europa, nonostante le assicurazioni del presidente russo Vladimir Putin che Gazprom avrebbe  inviato più gas dopo il completamento dello stoccaggio in Russia.

A novembre, la fornitura di gas russa all’Europa è stata variabile, poiché i flussi di gas sul gasdotto Yamal-Europa attraverso la Bielorussia verso la Polonia e la Germania sono stati bassi o inesistenti in alcuni giorni, se non addirittura si è assistito a flussi inversi dall’Europa occidentale verso la Polonia

L’incertezza su quanti volumi aggiuntivi Gazprom riguardo ai propri contratti verrà sicuramente a influire sul valore dei prezzi a termine del gas in Europa Occidentale, già alle stelle. Inoltre, cosa che pochi conoscono, il prezzo del gas determina quello dell’energia sui mercati d’interscambio europeo.

Il mercato si aspettava un aumento dei flussi russi l’8 novembre, la data che Putin aveva dato a Gazprom per aumentare potenzialmente le forniture dopo aver riempito lo stoccaggio della Russia. Quando i maggiori flussi dalla Russia non si sono materializzati in quella data, i prezzi del gas naturale in Europa sono aumentati.

Tra l’altro  Gazprom non ha prenotato capacità extra materialmente più elevata per la Germania e l’Ucraina. La società afferma che continua ad adempiere a tutti gli obblighi contrattuali e all’inizio di questa settimana ha affermato che le sue esportazioni in Europa sono aumentate del 6,6% tra gennaio e novembre.

Mentre il mercato europeo è diffidente nei confronti della volatilità della fornitura quotidiana dai gasdotti russi esistenti, l’Agenzia federale di rete tedesca, Bundesnetzagentur, ha sospeso il 16 novembre la procedura per certificare Nord Stream 2 AG come operatore di trasmissione indipendente fino a quando un operatore del gasdotto in Germania è di diritto tedesco.

L’incoerenza della Russia nella prenotazione di capacità extra sugli oleodotti verso l’Europa e la fornitura volatile sugli oleodotti nelle ultime settimane potrebbe continuare per mesi, poiché è probabilmente collegata all’approvazione del Nord Stream 2, ha detto a Bloomberg il ministro polacco per il clima e l’ambiente, Anna Moskwa, in un’intervista questa settimana.

“Fino a quando la questione del Nord Stream 2 non sarà finalizzata, non possiamo essere sicuri del comportamento di Gazprom”, ha affermato il ministro. “Siamo convinti che questo sia un meccanismo legato al processo di certificazione. E il processo di certificazione richiederà ancora del tempo”, ha aggiunto.

Quindi sino a che la certificazione del nuovo Nord Stream 2 non sarà effettuata e la situazione politica non sarà stata normalizzata le forniture di gas russo rimarranno un grande punto interrogativo, con forti possibilità di esplosioni del prezzo a livelli non tollerabili per il sistema economico e industriale europeo.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal