attualita' posted by

Facebook costretta a cancellare “Instagram Kids”: “Paradiso dei maniaci”

Instagram,  di proprietà di Facebook, ha annunciato lunedì in un post sul blog di aver abbandonato lo sviluppo del suo servizio “Instagram Kids”, che avrebbe dovuto creare una versione parallela del servizio per i bambini di età inferiore ai 13 anni, Ci sono volute le pressioni di 40 procuratori generali dello stato ad abbandonare il progetto perché dannoso per lo sviluppo psicofisico dei minori e perché sarebbe stato il  “paradiso dei predatori”), a far desistere il social network.

Allo stato attuale, molti minori utilizzano già i social media, a causa dello scarso controllo applicato all’entrata, con il pericolo di venire a contatto con contenuti impropri o dannosi.

Instagram Kids nasceva dal desiderio di combinare gli ampli fussi di utile generabili da questa classe di età con la necessità di far fronte alle pressioni sociali derivanti dai comportamenti deviati che l’uso dei social media viene a causare spesso negli adolescenti. Il progetto è stato subito contrastato dalle autorità giudiziarie e da gruppi di genitori che hanno visto pericoloso un social media dedicato ai minori di 13 anni.

Facebook ha reagito prontamente, insistendo sul fatto che il prodotto non fosse “tossico”, ma la massiccia fuga di documenti interni che mostrano che Facebook era ben consapevole dell’impatto negativo che i suoi prodotti, in particolare Instagram, stavano avendo sulla salute mentale degli adolescenti (esponendo anche i bambini piccoli ad abusi e a trafficanti di sesso).

Ad aprile, il New York Post aveva affermato che  “Instagram per bambini” avrebbe creato un “paradiso dei predatori”.

In una dichiarazione rilasciata sul suo blog, Instagram ha affermato che stava “mettendo in pausa” Instagram Kids, ma intendendo fermamente tornare su di esso in seguito dopo aver lavorato con i legislatori e il pubblico per aiutarli a capire perché questo tipo di prodotto è necessario. “I bambini sono già online”, ha insistito la società nel suo post sul blog.

Un fatto semplice, inevitabile, secondo Instagram, è che “i bambini sono già online”.

“…i ragazzi stanno acquistando telefoni sempre più giovani, travisando la loro età e scaricando app pensate per quelli con 13 anni o più”.

Inoltre, Instagram ha affermato che continuerà a creare nuove misure di sicurezza opt-in per i genitori da impostare sugli account dei propri figli.

Il post sul blog ha anche fatto riferimento direttamente alle fughe di notizia verso il  WSJ, che hanno mostrato quanto Instagram sapesse di come il suo servizio danneggi l’autostima degli adolescenti e li renda anche vulnerabili al traffico sessuale.

Facebook era a conoscenza della ricerca nel momento in cui è trapelata, ma non sembrava voler fare molto al riguardo. E anche ora, con le sue promesse di maggiori controlli parentali, il linguaggio effettivo è vago e non impegnativo: “La scorsa settimana abbiamo annunciato che stiamo esplorando due nuove idee: incoraggiare le persone a guardare altri argomenti se si soffermano sui contenuti che potrebbe contribuire a un confronto sociale negativo e una funzionalità chiamata provvisoriamente “Fai una pausa”, in cui le persone potrebbero mettere in pausa il proprio account e prendersi un momento per considerare se il tempo che stanno spendendo è significativo.’

Indipendentemente dal fatto che “Instagram Kids” esista o meno, Facebook e Instagram insistono sul fatto che gli adolescenti saranno sui social media, qualunque cosa accada. Instagram afferma che sarebbe meglio se l’azienda coltivasse un’esperienza adeguata all’età esclusivamente per loro. La soluzione migliore, probabilmente, è escludere da Facebook e Instagram completamente i minori, magari con un controllo tramite le carte di credito, se necessario. Guardate che senza social media si cresce e si vive, benissimo!


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal