attualita' posted by

Cina: niente privati nell’azionariato dei media. Tutto va sotto controllo statale

 

 

Secondo Radio Free Asia (RFA), , il Partito Comunista Cinese (PCC) ha iniziato a gettare le basi per il divieto  degli investimenti privati nei media mainstream.

In base alle modifiche alle regole proposte pubblicate sul suo sito Web ufficiale l’8 ottobre, la Commissione statale per lo sviluppo e la riforma (SDRC) ha affermato che stava sollecitando l’opinione pubblica fra gli  investimenti vietati nel settore dei media tutti gli investimenti privati.L’elenco, che dovrebbe essere applicato in tutta la Cina senza variazioni locali, richiede che “le organizzazioni senza investimenti dal settore pubblico non debbano impegnarsi in attività che implichino la raccolta, l’editing o la trasmissione di notizie”. quindi solo aziende pubbliche o con partecipazioni statali potranno investire in testate televisive, radiofoniche, giornalistiche o agenzie di stampa in Cina, oltre che un divieto per il cyberspazio. .

La repressione dei media è solo l’ultima di una lunga lista di entità a cui gli investitori privati ​​non sarebbero in grado di partecipare in base ai cambiamenti proposti – che includono organizzazioni politiche, economiche, militari o diplomatiche e “grandi società sociali, culturali, tecnologiche, salute, istruzione, sport e altri servizi”. alla fine solo lo Stato, direttamente, potrebbe investire nei media.

“Il governo si sta assicurando di controllare il suo messaggio: non consegnerà la penna a nessun altro”, ha detto il docente in pensione della Shanxi University il cui cognome è Luo. “Vuole una voce dominante per governare su tutto.” “Il messaggio è molto chiaro: non scherzare con i media o cercare di fare qualcosa che sia collegato ad essi”.

Secondo il commentatore di attualità  Zhang Tianqi, il PCC ha continuato a rafforzare il controllo sul discorso pubblico e sui media da quando il segretario generale Xi Jinping ha preso il potere nel 2012. “Non è sorprendente, perché questo porterà a un lavaggio del cervello più completo della popolazione”, ha detto, aggiungendo “Hanno usato sia la forza militare che la propaganda per riprendere il potere nel 1949, e i media, il potere della penna , è rimasto da allora un pilastro molto importante del regime.”

La Cina aveva precedentemente vietato gli investimenti nei media già nel 2005, tuttavia è stato ribaltato dall’ex presidente Hu Jintao e poi dal premier Wen Jiabo, che hanno cercato di rendere il settore più attraente per i consumatori che avevano iniziato a rivolgersi a piattaforme online per notizie e intrattenimento.. “Dieci anni fa, Hu e Wen hanno permesso l’investimento del settore privato nei media, perché pensavano che potesse salvare i media mainstream”, ha detto Zhang.

Li, il cui saggio sull’allontanamento di Xi Jinping dalle politiche pro-mercato degli ultimi quattro decenni lo ha portato alla fama istantanea in Cina, ha affermato che i cambiamenti proposti eliminerebbero i “capitalisti” dalle notizie e da altri contenuti mediatici cinesi. Questo è coerente con il nuovo corso di Xi Jinping, che vuole allentare, o eliminare, alcune delle radici capitalistiche del paese, tornando ad un sistema in cui il Partito guida l’evoluzione, e quindi anche tutta l’informazione. In realtà, più che un cambio  di rotta, stiamo assistendo ad un ritorno alle origini del PCC nella propria politica, industriale, soprattutto rivolata vero la comunicazione online ed i media. Poi c’è la via italiana per il controllo dei media: sono privati, ma foraggiata direttamente dallo stato. Forse la via più sicura.

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal