attualita' posted by

CHI Guadagna dalle sanzioni 1: utili alle stelle dal trading per le compagnie petrolifere europee

 

Le principali compagnie petrolifere europee hanno riportato utili eccezionali per il primo trimestre poiché i prezzi del petrolio e del gas sono aumentati con la crisi energetica europea e l’invasione russa dell’Ucraina. Tutti e tre i principali produttori e trader – Shell, BP e TotalEnergies – hanno registrato i loro guadagni trimestrali più alti degli ultimi anni, annunciando che sono stati i profitti dalle attività di trading “superiori” ed “eccezionali” ad aver contribuito agli alti guadagni, insieme all’aumento dei prezzi del petrolio e del gas naturale e al rafforzamento della raffineria margini.

Sebbene non sia un segreto che il trading in mercati volatili produca molti profitti per le società commerciali e le divisioni commerciali, nessuna delle tre grandi major europee del petrolio e del gas ha una voce “risultato commerciale” separata nei propri bilanci. Ciò lascia il mercato e gli analisti a stimare quanto sia redditizio il trading di petrolio e gas, specialmente in circostanze di mercato eccezionali come quelle che stiamo vivendo ora.

In realtà che gli utili provengano da queste attività di trading lo hanno affermato i dirigenti delle società, perché nessuna di queste contabilizza in modo separato i profitti derivanti dal trading. Quindi si va sulla fiducia.  Gli analisti comunque hanno stimato che i profitti commerciali solo per questo ultimo trimestre sono stati in termini di miliardi di dollari USA.

BP ha affermato che gli utili sono crfesciuti “guidati da scambi eccezionali di petrolio e gas, maggiori realizzazioni petrolifere e un risultato di raffinazione più forte, in parte compensato dall’assenza di Rosneft dal risultato sottostante del primo trimestre”, anche se il profitto dal trading sarebbe stato inferiore al 2021. Ora anche la raffinazione sta diventando molto profittevole.

Gli utili rettificati combinati di raffinazione e negoziazione di BP prima di interessi, tasse, ammortamenti e ammortamenti (EBITDA) sono saliti a oltre $ 2 miliardi nel primo trimestre, da $ 400 milioni per il quarto trimestre 2021 e $ 419 milioni per lo stesso periodo dell’anno scorso, ha mostrato il rilascio degli utili. Ma la società, come le altre major, non analizza solo i risultati del trading, né dice quanto guadagna dal trading di petrolio e/o gas.

BP ha probabilmente guadagnato $ 1,2 miliardi dal commercio di gas e altri $ 400 milioni dal commercio di petrolio nel primo trimestre, ha stimato Oswald Clint di Bernstein.

TotalEnergies ha notato la “sovraperformance delle sue attività di trading di petrolio” e “l’ottima performance delle attività di trading di gas, LNG ed elettricità”.

La sovraperformance delle attività di trading di petrolio greggio e prodotti petroliferi ha aiutato TotalEnergies a vedere un balzo del suo utile operativo netto rettificato per il segmento Raffinazione e prodotti chimici, che è salito a $ 1,12 miliardi per il primo trimestre del 2022 da $ 243 milioni per il primo trimestre del 2021.

Per Shell, “il trading gioca sempre un ruolo integrato nei nostri risultati”, ha detto il CFO Sinead Gorman durante la chiamata.

“Ma in particolare in questo trimestre, è giusto dire che nella nostra area di prodotti chimici e prodotti, in particolare dal lato dei prodotti, abbiamo ottenuto risultati commerciali e di ottimizzazione molto forti”, ha aggiunto Gorman, senza specificare i numeri.

“Il trading sta facendo un lavoro fantastico”, ha affermato Wael Sawan, Direttore delle soluzioni integrate per il gas, le energie rinnovabili e l’energia di Shell. In futuro, tutte e tre le major europee, e molte altre, si sono impegnate a non firmare o rinnovare i contratti per l’acquisto di petrolio e prodotti petroliferi russi. Shell si è scusata per aver acquistato un carico di greggio russo nei primi giorni dell’invasione russa dell’Ucraina, a seguito di una reazione negativa sull’etica del proseguimento del commercio con il petrolio russo.

Dato che la volatilità proseguirà anche in futuro c’è da attendersi che il trading garantirà ancora forti utili alle aziende petrolifere, a cui si aggiungono gli alti margini per la raffinazione. Una gioaia per gli azionisti, pagata però dalle tasche dei consumatori. 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal