attualita' posted by

Cattivi segnali dai consumi mondiali. Tempo per una politica anticiclica

 

mia

 

 

Abbiamo recentemente parlato in due articoli della forte riduzione delle vendite di auto in Germania ed in Italia, con cali su base annua superiori al 20% in entrambe  i paesi. La minaccia è che il rallentamento non sia limitato ai paesi europei, ma sia esteso mondialmente , e non riguardi solo il settore auto.

Ad esempio l’ultimo mese ci fornisce dei dati non positivi dagli USA. Inziamo a vedere le vendite al dettaglio:

 

Non positive le vendite di auto, seguendo quindi l’andamento europeo, anche se il mercato è completamente diverso e non condivide le tensioni del vecchio continente.

 

Questo è particolarmente importante, perché le case europee non potranno potranno scaricare sugli USA gli eccessi di capacità produttiva che si stanno delineando internamente. Una grana ulteriore per le case tedesche .

Il sentimento dei consumatori non è positivo in generale e questo si nota anche dalla situazione di un settore che ne rispecchia proprio il sentimento: la ristorazione.

Anche cosumi banali come quelli legati alla ristorazione sono in rallentamento negli USA. In Europa Germania ed Italia vedono un rallentamento della produzione industriale, se anche gli USA iniziano a comprare meno questo rallentamento non potrà che crescere. Sarebbe il momento per iniziare una forte politica anticiclica per rilanciare consumi, investimenti ed evitare che l’attuale situazione di stanca economica peggiori e si avvii verso una vera e propria recessione. Purtroppo la BCE e la Commissione vengono a congelare forzatamente tutte queste politiche, spingendo invece per posizioni pro cicliche che sono molto pericolose. Purtroppo manca la necessaria flessibilità per una corretta manovra monetaria e fiscale.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog