attualita' posted by

Calo del pil in Giappone. Probabili ripercussioni negative in Europa.

shinzo-abe-giappone_interna-nuova
L’entrata in recessione tecnica per il Giappone che oggi ha segnato il pil terzo trimestre 2014 a -0.4% e -1.6% su base annuale, molto probabilmente si ripercuoterà, con chiaro effetto negativo in Europa per quanto riguarda l’economia.
japan-gdp-growth
Non potendo contare sulla domanda interna, distrutta per recuperare competitività ed ora neanche da quella giapponese e russa, (visto le sanzioni dell’UE), l’eurozona, dovrà rispondere con maggiore compressione salariale ovvero schiacciando di più la sua domanda interna, soprattutto in vista di una probabile svalutazione dello yen e quindi riallineamento automatico della competitività del Giappone.
Il dato negativo del pil giapponese è probabilmente da imputarsi all’aumento dell’iva dal 5 all’8% che ha fatto registrare un calo consumi dal mese di gennaio di quest’anno (un esempio negativo che l’Italia non mancherà, ma in questo caso l’entità dell’imposta sarà ben più alta, dal 22% fino al 25.5% entro il 2016). Pertanto si può già immaginare quale sarà l’impatto negativo dell’aumento dell’iva per la nostra economia.
japan-consumer-spending
A contribuire al calo della crescita  giapponese è stato, a mio parere, il mancato finanziamento del deficit tramite il QE, difatti questo anzichè aumentare per sostenere l’economia,si è contratto dal -9.2% al 7.6% nel periodo 2013-2014.
In sostanza il Giappone è in recessione per aver adottato quei criteri macroeconomici europei di austerità (oggi criticati), che si sono rivelati più incisivi sul calo del pil, rispetto alla politica di accomodamento monetario (QE).
japan-government-budget

Ma a  differenza con l’Italia ed un altro paese dell’eurozona, il Giappone con un pil negativo non verrà aumentarsi i rendimenti dei suoi titoli di Stato  (ora al tasso minimo dello 0.48% per i decennali) con la speculazione dello spread ed inoltre  reagirà al calo della crescita  con una flessione della sua moneta e non con una flessione dei lavoratori sotto il nome di “riforme”.

Ps. Cosa diranno ora gli euro-moralisti? In Giappone non c’è la corruzione, fanno tutti lo scontrino, non parcheggiano in seconda fila eppure hanno segnato un pil negativo…

 

1

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog