attualita' posted by

I TASSI SONO BASSISSIMI, MA LE BANCHE HANNO SOFFERENZE AL 17%. CHE SENSO HANNO I TASSI DI INTERESSE ?

btp MOD

Oggi Banca d’Italia ha piazzato un bel po’ di BTP a 3 , 7 e 30 anni, per un totale di 5,5 miliardi di euro. I rendimenti ottenuti sono stati ridicoli: da uno 0,11 % per i triennali sino ad uno 2,71% per una tranche dei titoli trentennali. Tutto questo è merito del QE della BCE ,che ha inondato il mercato del debito pubblico con fiotti di denaro praticamente a 0 e che quindi ha ucciso il rendimento dei titoli stessi. Se consideriamo che , almeno il teoria, l’obiettivo di inflazione della BCE è il 2% vediamo come chi ha comprato il trentennale prende un premio al rischio etemporare risibile, mentre addirittura chi ha preso il triennale ed il settennale (1,45 %), si è condannato ad avere un rendimento negativo.

Ora le casse dello stato saranno sicuramente contente, ma questa gioia si ripercuote al settore bancario complessivo e sui cittadini ?

Secondo i dati della Banca Mondiale , che non fa altro che riportare i dati della Banca d’Italia, le sofferenze del sistema creditizio italiano sono pari al 17,1%. Riprendendo i dati del Bollettino della Banca d’Italia al 30/9/2015 i tassi di interesse per operazioni di cassa ad attività economiche  variano da un minimo del 2,88% (operazioni di cassa nell’Italia nord orientale durata un anno) al un massimo del 5,32% (operazioni di cassa per il meridione).

La situazione n non cambia molto per le famiglie: si passa da un minimo del 2,13% per i mutui di famiglie residenti nell’Italia nord occidentale (oltre 215.000), a 4,65 % delle medesime operazioni per l’Italia insulare, con una punta del 5,03% per  i piccoli mutui nelle Isole.

Il QE si ripercuote quindi in modo minimo sulle aziende e sulle famiglie, per le quali il problema rimane la capacità di far fronte agli impegni. Da dicembre pare che la BCE voglia allargare i propri finanziamenti acquistando titoli delle amministrazioni locali. Purtroppo questo cambierà ben poco nella vita dei cittadini. Come indica chiaramente il valore delle sofferenze, che a sua volta influenza i rendimenti reali applicati, il dramma per cittadini ed a aziende italiane è l’incapacità reddituale per far fronte agli interessi. In poche parole gli italiani guadagnano troppo poco per poter far fronte a qualsiasi impegno finanziario. La BCE dovrebbe mandare i soldi direttamente a casa dei italiani, ma mi sa che, per quanto draghi abbia buona volontà, non potrà mai fare questa operazione…

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog