attualita' posted by

Privatizzato è avanguardia. Statale è ormai il passato. Sicuro? Il caso delle ferrovie inglesi.

Kings-Cross-train-disruption-Christmas-Boxing-Day-419144

Ferrovie inglesi nel totale panico,  in questi giorni di vacanze natalizie.

Problemi tecnici ai convogli, maltempo, riduzione del personale hanno lasciato a piedi  più di 7 milioni di passeggeri,  nel totale caos. Soprattutto in questo periodo, dove gli spostamenti per motivi familiari e non solo sono necessari. Inutile aggiungere che i disservizi provocati dalla gestione delle ferrovie inglesi recheranno dei danni all’industria del turismo e dei trasporti in Gran Bretagna.
La cosa interessante, su quanto sta accadendo al trasporto ferroviario in Gran Bretagna, sta nel fatto che il sistema ferroviario  è stato sottoposto ad un processo di privatizzazione iniziato negli anni 80′ dalla Thatcher e conclusosi nel 1997.

Pertanto l’equazione semplicistica: “privato=efficiente e Stato= cattivo” fa acqua da tutte le parti e non solo per il caso inglese.
Il privato, “giustamente” quando investe nel pubblico settore, come priorità pone il suo tornaconto e dopo l’efficienza del servizio per i cittadini. NON esiste Babbo Natale. Mentre lo Stato non ha scopo di lucro verso i cittadini; ovviamente, uno Stato che deve essere efficiente, e se non lo è questo va guarito e NON soppresso, come auspicato dalla globalizzazione.

Tornando al caso delle ferrovie inglesi, aggiungo che le privatizzazioni hanno perfino aumentato i costi, senza creare una vera concorrenza: ciò è dovuto al fatto che i privati puntano in primis al guadagno personale, cosa lecita e logica, fino al punto però di formare un cartello tra di loro per evitare che ci sia una concorrenza al ribasso.


Per fare un esempio: un biglietto del treno dall’Aeroporto di Gatwick al centro di Londra, per un tempo di percorrenza di 30 minuti, può arrivare a costare 18 sterline (circa 24 euro) e la cosa bella è che dal 24 dicembre fino al 4 gennaio 2016 il servizio dall’aeroporto citato è sospeso. Cosa che lascia molto riflettere, soprattutto in un periodo come quello natalizio di alta stagione.

E’ vero che le nostre ferrovie italiane, non saranno il massimo, ma apprezziamo ogni tanto ciò che abbiamo, rivendicando sicuramente un miglioramento dei servizi, ma senza sfociare nell’esterofilia…

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog