Euro crisis posted by

Lo stucchevole antiamericanismo di Bersani ed i catastrofici errori di Obama

Abbiamo letto negli scorsi giorni le stizzite dichiarazioni di Bersani relativamente all’intervento “a gamba tesa” dell’ambasciatore USA Phillips a supporto del SI referendario di fine anno, non sappiamo ancora la data ma riteniamo si terrà dopo le elezioni USA.

fireshot-screen-capture-415-referendum-ambasciatore-usa-per-il-si_-bersani_-_da-non-credere-per-chi-ci-prendono__-repubblica_it-www_repubblica_it_politica_2016_09_13_news_ambasciatore_usa_iLe parole dell’ex segretario del PD, ex comunista emiliano (terra e radice del comunismo rosso come le Ferrari) sono a parere dello scrivente stucchevoli. Non tanto per la sostanza, ci sta che si difenda l’interesse nazionale e l’indipendenza politica di un Paese. Il problema è l’ipocrita asimmetria. Ciò che stride è il disallineamento di una certa sinistra – per altro favorita da Obama negli ultimi 8 anni – nelle posizioni prese: mi riferisco alle stizzite reazioni di Bersani contro le parole dell’ambasciatore USA rispetto all’assoluto silenzio nei confronti delle parole della Cancelliera Merkel anch’essa a supporto delle medesime posizioni USA, entrambi – ambasciatore USA e Germania – supportano il SI -.

fireshot-screen-capture-414-referendum-anche-merkel-in-campo-a-sostegno-di-renzi-politica-iltempo-www_iltempo_it_politica_2016_09_14_referendum-anche-merkel-in-campo-a-sostegno-di-renzi-1_Senza contare che, al di fuori delle parole di aperto supporto al si referendario da parte di Germania ed USA di questi giorni, sono ormai più di 6 mesi che indirettamente l’EU supporta il si attraverso una pausa nell’austerità, la mossa di Renzi di indire la consultazione popolare per cambiare il metodo di governo del Paese è stata certamente geniale se non altro per guadagnare tempo prima che l’interessata inflessibilità nelle regole EU (mirata ad impadronirsi delle ricchezze dei periferici e soprattutto italiche, ndr) pieghi definitivamente il nostro Paese. Non è un caso che l’ex sindaco fiorentino abbia spostato la data del referendum ben oltre le elezioni americane.

Le considerazioni che possiamo fare sono due: la sinistra italiana è prima di tutto anti-americana, chissenefrega che sia stato proprio l’avallo USA nel 2011 a far cadere il miglior alleato non anglosassone in Europa, Silvio Berlusconi [l’assonanza al mondo anglosassone del nobiluomo Giorgio Napolitano dipende dal fatto che egli non nacque a sinistra ma fascista, pasando poi per rapporti di vicinanza a quella che sarebbe diventata l’Alleanza Atlantica, ndr]. Avallo che, si noti, avvenne per il tramite di un’abile manovra di manipolazione di Francia e Germania atta a depotenziare un avversario – Roma – ben più in forma di loro nel post crisi subprime, or dunque l’Italia andava neutralizzata ed Obama ci è cascato.

libero-antiamericanismo-1

Oggi che l’EU franco-tedesca punta al riarmo e dunque a spodestare gli USA dallo scettro di dominus europeo, a Washington ci si sta accorgendo dell’errore madornale compiuto dando spazio a certe sinistre italiane di cui Bersani fa parte. Ripeto, la storia ci insegna che la sinistra italiana è prima di tutto anti americana, poi ideologica, per quello che può valere un’ideologia post comunista (che per altro sta tornando sotto mentite spoglie per via capitalistica [con Obama], se le banche centrali continueranno a comprare azioni per sostenere il mercati e dunque lo status quo si finirà precisamente ad una proprietà statale e dunque centralizzata dei fattori produttivi, ndr). Damanda: oggi più che mai essere antiamericani corrisponde ad essere filo EU franco-tedesca? Fate voi…

fireshot-screen-capture-429-mali_-bersani-giusto-intervenire-top-news-ansa_it-www_ansa_it_web_notizie_rubriche_topnews_2013_01_18_mali-bersani-giusto-intervenire_8095038_ht

La seconda considerazione è più storico-strategica: ancora una volta la sinistra italiana con le elites locali al seguito si sta allineando al dominus europeo, la Germania. Successe la stessa cosa con il nazionalsocialismo che agli albori era di sinistra, come il fascismo. La storia insegna che i movimenti dittatoriali di stampo fascista nascono sempre dalla sinistra con humus liberale per poi evolvere – soprattutto in presenza di crisi sistemiche ­– verso movimenti totalitari, sempre però con l’apparenza dei nobili fini, della giustizia globale, sociale, universale. Appunto, totalitarismo imposto dal basso, anzi da sinistra, R. O. Paxton insegna.

Il problema è che così facendo l’Italia ancora una volta compie lo stesso errore di sempre, allearsi con il nostro nemico storico fin dai tempi dei Lanzichenecchi. Anche perché, si noti bene, l’Italia senza una sconfitta tedesca della seconda guerra mondiale, con vicini tanto ingombranti, invidiosi, colonialisti e relativamente poveri (rispetto agli USA) mai sarebbe diventata la settima potenza mondiale, parlo di Germania e Francia post Vichy, l’antico asse franco-tedesco. Né avrebbe avuto campioni nazionali da difendere, semplicemente non sarebbero mai nate aziende come ENI, ENEL, Finmeccanica ecc. a sud del Gottardo. Ben inteso, oggi la Germania cresce grazie ad austerità euroimposta ed euro a salvagurdia della competitività delle imprese germaniche che possono esportare hrazie ad un euro molto più svalutato di quello che sarebbe il marco tedesco.

fireshot-screen-capture-409-germania-troppo-forte_-violati-ancora-limiti-ue-su-surplus-export-www_eunews_it_2016_09_07_una-germania-troppo-forte-viola-anche-questanno-le-norme-ue-sul-surplus-co______________________________________________________________________________fireshot-screen-capture-412-export-germania-leader-mondiale-con-310-miliardi-batte-anche-la-cina-corriere_it-www_corriere_it_economia_16_settembre_06_export-germania-leader-mondiale-310-miliWashington deve meditare su quali e quanti errori strategici siano stati compiuti negli ultimi 8 anni. Oggi l’EU vuole emanciparsi dagli USA ed il Brexit né è solo il primo sintomo (importante), la ribellione del mondo anglosassone al leviatano europeo deriva dal fatto che Londra essendo più vicina al problema lo ha capito prima (ma ci arriveranno anche gli americani, a breve). Per inciso, lo scopo euro-tedesco dei nostri giorni è ribellarsi agli USA e sostituirsi al sistema anglosassone nel governo europeo, per poi guardare ad est.

Ciò non è negli interessi dell’Italia che, come detto prima, finirebbe nella brace di un’EU costruita per fare gli interessi dell’asse Berlino-Parigi. I nostri padri costituenti lo sapevano bene e quindi non a caso andarono nella direzione atlantica, De Gasperi docet. Solo grazie al cordone ombelicale atlantico noi siamo cosa siamo, sebbene oggi – prospetticamente – minacciati mortalmente nel nostro benessere e nella nostra indipendenza da un’Europa in forte crisi [e quindi pronta ad impossessarsi di qualsiasi bene altrui utile alla causa della propria sopravvivenza], all’alba di un riarmo strategico europeo che le permetta di emanciparsi dalla NATO.

L’Italia non ha scelta: ripudiare l’alleato USA significherebbe diventare schiavi dei tedeschi, memento quanto accaduto con la Grecia in forza della stupida – ma non per Berlino – inflessibilità germanica nell’imporre l’austerità [l’attuale ricchezza tedesca si basa sull’austerità imposta a caro prezzo ai periferici che parallelamente si stanno impoverendo, ndr]. Anche gli USA hanno – anzi dovrei dire “dovrebbero [avere]” dopo quanto abbiamo visto con la presidenza Obama – interesse a mantenere viva la solida alleanza di intenti con Roma. L’Italia è il paese più filo americano d’Europa dopo gli UK, non a caso il revanscismo germanico prende corpo dopo la morte dei nostri nonni cha han fatto l’ultima guerra ossia di coloro che non possono più spiegarci la vera essenza (pericolosa) dell’avversario tedesco. Di più, l’Italia può essere lo strumento per rompere l’Europa austera su cui si basa la ricchezza Germanica. Ossia di chi vuole ripudiare 75 anni storia occidentale.

Appunto….

Fantomas per Mitt Dolcino

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog