attualita' posted by

L’IMPORTANZA DEGLI STORICI? SERVONO AD EVITARE DI COMMETTERE GLI STESSI ERRORI DEL PASSATO!

img_8309

DUE GUERRE MONDIALI NELLA PRIMA META’ DEL SECOLO SCORSO CAUSATE DAGLI INTERESSI MANIACALI E DEMONIACI DELLA FINANZA CHE DA QUESTE GUERRE CI HA GUADAGNATO “UN MONTE DI GRANO” SCARICANDO COSTI UMANI TERRIBILI, SCATENANDO SATANA SUL PIANETA PER 5 ANNI.

E ora stiamo ripercorrendo la stessa strada senza accorgersi degli errori clamorosi che stiamo compiendo?
Siamo “gestiti” da INCOMPETENTI TOTALI o da DEMONI CHE VOGLIONO SCATENARE DI NUOVO L’INFERNO SUL PIANETA SU VASTA SCALA?
RIPERCORRIAMO LA STORIA:
Il grande salto di qualità, la 1 guerra mondiale
Salto di livello con la prima (e la seconda) guerra mondiale =
guerre illimitate, battaglia assoluta che poteva essere solo totalmente vinta o persa.
La ragione era che, a differenza delle guerre del passato, caratterizzate da chiari scopi ( conquistare parti di territorio nemico), nelle due guerre mondiali gli obiettivi erano illimitati:
La rivalità si modellava infatti sulla crescita e sulla competizione economica, prive di freni in quanto politica ed economia si erano fuse e le frontiere naturali delle grandi società private mondiali (come standard OIL, Deutsch Bank e Be Beers Diamond) erano ormai i limiti del pianeta.
Per Germania e Gran Bretagna l’unico limite era il cielo, perché entrambe desideravano ottenere il predominio politico e marittimo; al contrario, per la Francia l’obiettivo era controbilanciare la crescente inferiorità economica e demografica nei confronti della nazione tedesca.
In sostanza, la Germania tende al predominio in Europa e, paradossalmente, solo oggi sta riuscendo ad imporlo, poiché Francia e Gran Bretagna sono state relegate a potenze di seconda classe dopo la seconda guerra mondiale a livello economico, mentre a livello finanziario la Gran Bretagna gioca ancora un ruolo centrale.
Tutto ciò si verificò in un mondo eurocentrico e il conflitto prevedeva la vittoria totale e “la resa incondizionata degli avversari”. Era un traguardo assurdo e autolesionistico che condusse alla rovina vincitori e vinti. Gli sconfitti affrontarono la rivoluzione e i vincitori conobbero la bancarotta e il dissanguamento di ogni energia.
Questo accadde perché gli Stati perseguivano solo gli interessi delle grandi lobbies finanziarie ed economiche private, le quali erano impersonali e attaccate ad ogni costo al profitto.
Esattamente quello che sta accadendo oggi in Europa.

Il 2 macello mondiale, il punto piu’ basso raggiunto dall’umanità “moderna”
L’attacco di Hitler all’Europa, basato sulla guerra lampo a causa degli esigui rifornimenti e della lucida follia del Cancelliere, ebbe un ottimo successo, che gli avrebbe permesso di dominare l’intero continente europeo; ciò nonostante commise errori fatali:
1. Sopravvalutò l’alleato italiano, che si rivelò ancora più deludente di quello austro-ungherese durante la prima guerra mondiale;
2. Ruppe l’accordo con Stalin e sacrificò la maggior parte del suo esercito in Russia, tornando vulnerabile;
3. Megalomania di Hitler, che causò l’apertura di troppi fronti come il nord Africa, impedì alla Germania di consolidarsi come potenza continentale;
La vera data decisiva della seconda guerra mondiale fu il 22 Giugno 1941 (l’invasione dei Tedeschi dell’URSS) : la Germania infatti non era infatti preparata a sostenere una guerra di lungo periodo, cosa che si verificò a causa della resistenza della Russia.
Il vuoto di potere causato dalla caduta della Francia permise una rapida invasione giapponese in Indocina, provocando un escalation con gli USA. Questi ultimi ritenevano intollerabile una simile politica espansionistica e imposero severe restrizioni economiche, a causa degli interessi di élite private, portando a Pearl Harbor.
Di fatto furono l’embargo americano verso le merci giapponesi e il loro congelamento all’estero le cause degli attacchi giapponesi, in quanto essi dipendevano interamente dalle importazioni via mare ((quindi potevano essere “strangolati” in breve tempo)).
Per tali ragioni corsero questo titanico rischio che si rivelò suicida, perché la superiorità economico/industriale americana era schiacciante.
E la stessa cosa sta accadendo ora con la Russia di Putin accerchiata a livello economico da occidente e provocata in ogni modo per spingerla al conflitto.P.S.: gli accordi post caduta muro prevedevano che nessun paese ex CORTINA DI FERRO potesse aderire alla Nato, ma se si esamina la cartina dei paesi NATO ATTUALE……
In particolare vorrei far notare le dinamiche della spesa militare nei paesi ex Cortina di ferro nel solo 2015!
Vogliamo incominciare a parlare di storia economica e geopolitica del XX secolo e della sua replica attualmente in corso usando i media prima che gli INCAPACI/PAZZI/……..?? Ci ributtino in un girone infernale di una guerra mondiale?

Marco Santero

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog